Musei molisani, Frattura: di grande richiamo il nostro patrimonio archeologico

693

“Dai dati diffusi dal Ministero dei beni e delle attività culturali emerge per il Molise un valore significativo, per quanto ancora molto contenuto, che dà forza alla visione condivisa che interpreta la cultura anche come fonte di crescita occupazionale ed economica. Andiamo avanti con coraggio e determinazione: la bellezza della nostra regione è una scommessa da vincere”. Così il presidente Paolo di Laura Frattura commenta i dati sui visitatori nelle aree museali del Molise registrati dal Mibact.
Nel 2015 gli introiti complessivi per i 13 luoghi della cultura statali presenti in regione sono stati pari a 28.464 euro, nel 2014 si attestavano 26.039 euro mentre nel 2013 si limitavano a 17.669 euro. In termini percentuali tra il 2013 e il 2015, dunque, gli introiti derivanti dal patrimonio culturale molisano sono aumentati del 61%, tra il 2014 e il 2015 del 9%. “Questa è la direzione da seguire – dichiara Frattura –, in linea con le politiche che il Governo nazionale e il Ministro Franceschini stanno mettendo in campo per valorizzare l’arte nazionale. Apriamo e facciamo vivere le meraviglie e i tesori di cui disponiamo. Su questo trend, ancorché timido ma incoraggiante, investiamo in termini materiali e immateriali con una particolare cura per i nostri beni archeologici regionali che suscitano il maggiore interesse per i visitatori del Molise”.
Per il presidente della Regione “gratificanti i dati registrati dal Ministero per il Santuario italico di Pietrabbondante che ha registrato 11.917 visitatori (+5,5%) e 15.296 euro di introiti (+22%), seguito dal Museo nazionale del Paleolitico con 11.821 biglietti e un +3% di introiti e dal Museo archeologico di Sepino con 3.497 visitatori e con introiti aumentati del 10%”.
“Insieme – conclude –, faremo di tutto il nostro Molise una terra di grande richiamo”.

Commenti Facebook