Campomarino. Due persone arrestate dai Carabinieri per furto di rame

850

rame campomarino1Continua imperterrita l'azione di contrasto ai furti in tutto il basso molise, nella notte infatti i Carabinieri della Stazione di Campomarino hanno tratto in arresto due giovani che poco prima avevano perpetrato il furto di un ingente quantitativo di cavi in rame.I due sono stati intercettati nella zona di Madonna Grande a Nuova Cliternia dove una pattuglia di militari era in perlustrazione notturna proprio al fine di prevenire episodi di furto , e non è sfuggita agli occhi dei Carabinieri una Opel Astra carica all'inverosimile di cavi in rame, come non è sfuggita agli occhi dei due la pattugli dei militari e così hanno tentato la fuga ma dopo un breve inseguimento sono stati bloccati.

Si tratta di N.D. di ventiquattro anni e I.G.G. dell'età di trent'anni, entrambi di nazionalità romena ma residenti il primo a San Giacomo degli Schiavoni e il secondo a Portocannone, gli stessi dopo essere stati bloccati non hanno saputo fornire alcuna spiegazione sul carico di "oro rosso" che debordava dalla vettura.Le indagini con la collaborazione del Nucleo Operativo e Radiomobile di Termoli
hanno consentito di individuare la provenienza del metallo strappato dal tratto di linea ferroviaria Termoli – Larino attualmente non in uso e parallela alla Statale 87 all'altezza del km. 206, in direzione Larino. In tutto erano stati prelevate 18 bobine di filo in rame per un complessivo di 5 quintali circa, i Carabinieri hanno anche recuperato la cesoia utilizzata per tagliare i cavi in rame che sono stati restituiti alla società gestrice della linea mentre l'autoveicolo è stato sottoposto a sequestro. I due dopo le formalità sono stati condotti presso i propri domicili in regime di arresti domiciliari a disposizione dell'Autorità Giudiziaria.

Commenti

commenti