Sanità, Comitato San Timoteo: urge l’unità !

661

Sono ormai trascorsi diversi giorni dall’invito che abbiamo rivolto alla nostra classe politica, amministrativa e dirigente, di abbandonare, momentaneamente, il senso di appartenenza a un partito, club, ….per fare “squadra” e affrontare uniti (Consiglio Regionale e delegazione parlamentare) l’ardua sfida con il Governo centrale per ottenere le deroghe, indispensabile al Molise,  al regolamento degli standard nell’assistenza ospedaliera, di prossima pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, in attuazione della legge Balduzzi. Ciò per garantire anche ai molisani il diritto alla  salute come dettato dall’art. 32 della  Costituzione.
All’invito si è accompagnato la richiesta di sottoscrizione di dimissioni irrevocabili e differite al consiglio regionale (primo firmatario il Presidente Frattura) e all’intera delegazione parlamentare. In più occasioni, e non ci stancheremo di ripetere, si è chiarito che la richiesta non ha alcun significato e/o obiettivo politico, ma l’unica meta: richiamare la giusta attenzione, che l’argomento richiede, del Governo centrale, al fine di tutelare la salute dei molisani!
Ad oggi si registra solo qualche “spruzzo” positivo sul fare squadra,  ancor meno se non il nulla sull’ipotesi di dimissioni differite. Anzi, ultimamente si sono accentuati segni di divergenze, se non divisioni, tra i rappresentanti apicali del Partito Democratico, facendo pensare al peggio. Da ultime notizie di stampa pare che nel P.D., e  nella maggioranza di governo regionale, non ancora sia tornata la corretta dialettica di confronto, ciò non facilita l’auspicata convergenza delle altre forze politiche. Bisogna fare ogni sforzo, non mancheranno in futuro argomenti e momenti bellicosi  per tornare a confrontarsi aspramente, dividersi e persino tendere alla “resa dei conti”. Ma ora non è consentito, ne giustificabile, dividersi sulla salute dei cittadini, che non ha colore politico, e che tocca tutti, ancor più la povera gente, e và tutelata da tutti !
E’ bene tenere sempre presente che “salute e lavoro”, sono i pilastri su cui si fonda la dignità dell’uomo !
La prima prova utile per l’unità di intenti, si presenta con il Consiglio comunale di Termoli, monotematico aperto, in programma per venerdì 20 p.v. Occasione da non sprecare per raccogliere, in un unico atto da approvare all’unanimità, idee e proposte, scevre da interessi di parte, ma rispettose delle vocazioni e  potenzialità che il basso Molise esprime. Atto responsabile e utile  a sostenere le richieste di deroghe che saranno formulate al Governo centrale, a tutela della salute di tutti.
E’ innegabile che grande sarà il sacrificio che si richiede a tutti i partecipanti della seduta consiliare, nel conservare il senso di responsabilità, questo soprattutto nel considerare lo stato di crisi in cui Termoli e l’intero basso Molise vive, frutto di un decennio in cui questo territorio non è stato tenuto nella considerazione dovuta, se non proprio bistrattato, nelle passate programmazioni regionali, dimenticando che da sempre è stato motrice, non solo economica, dell’intero Molise.
L’attenzione del momento è  centrata nel settore sanitario, già gravato dai numerosi tagli subiti in passato, negli unici presidi ospedalieri pubblici presenti nel territorio bassomolisano,  a questi  vanno aggiunti gli ulteriori tagli di 4 reparti (Ginecologia,Pediatria,Urologia,Otorino)  nell’ospedale San Timoteo e la riconversione del Vietri,  qualora dovesse entrare in vigore il nuovo regolamento senza avere apportato le necessarie deroghe.
Questa ulteriore “mannaia” è assolutamente inaccettabile, e và debellata con ogni mezzo! Spetta a tutti, indistintamente, che eletti dal popolo, hanno l’onore e l’onere  di provvedere !
ing. Nicola Felice
Presidente Comitato San Timoteo

Commenti Facebook