Romagnuolo: a Casacalenda da mesi nota la sofferenza dei dimissionari consiglieri comunali di maggioranza

152

“Voglio ricordare ai miei concittadini di Casacalenda, che ogni caduta è causata da una spinta che non arriva mai a caso e quindi, la stessa cosa si è verificata per Casacalenda. Il dilettantismo e le bugie che hanno le gambe corte, hanno poi fatto il resto, perché era noto da mesi la sofferenza dei dimissionari consiglieri comunali di maggioranza che, molto probabilmente, si sarebbero dimessi già dall’inizio dell’anno scorso.

Prima di intervenire sulla questione e dopo essere stata tirata in ballo, ho voluto ben comprendere chi si era seriamente impegnato a fare gli interessi della nostra Comunità, gli interessi dei cittadini, considerato che a seguito della caduta dell’amministrazione comunale si era mobilitata e scagliata un’intera famiglia e dove sono poi seguite delle querele”. E’ quanto dichiarato da Aida Romagnuolo.

“Oggi per me e per moltissimi miei concittadini, ha continuato Romagnuolo, le idee sono più chiare, anche perchè Casacalenda non è stata mai coperta da tanto odio, minacce, intimidazioni, menzogne e ancora più grave, di vergognose registrazioni di conversazioni. La politica che vuole Casacalenda,- ha proseguito Romagnuolo- è quella che si fa con il cuore e non con i tacchi a spillo.

Sono un Consigliere Regionale del Molise di tutta Casacalenda e non di una sola parte o fazione di Casacalenda, perchè io amo il mio paese che è sempre presente nel mio cuore e nella mia mente e alla quale, non farò mai mancare il mio supporto e sostegno politico e umano. Ho rinunciato a fare il Sottosegretario con autista e auto blu, ha ancora detto Romagnuolo, ho rinunciato a importanti incarichi, perché non sono legata alla poltrona, ma sono sempre più convinta che la politica è servizio, è aiutare tutti i cittadini e non come fanno quasi tutti a difendere i propri interessi.

Adesso,- ha ancora proseguito Romagnuolo,- è il momento di consegnare per davvero Casacalenda a persone perbene, ai giovani, a chi ha voglia di fare il bene comune di tutti, perché se non rinunceremo a dare un calcio alla vecchia politica del passato fatta di insulti, consegneremo nuovamente il Paese a chi vi spia, a chi vi registra per strada o nei bar, a chi intimorisce. Evitiamolo tutto questo, -ha concluso Romagnuolo,- perché Casacalenda merita ben altro, merita una nuova alba e quindi, se starete al mio fianco, io sarò al vostro fianco”.

Commenti Facebook