Osteria Dentro le Mura di Termoli porta il Molise nel mondo con la presenza ad Eataly ad Expo Milano

1542

Dal 1 al 30 settembre 2015 l’Osteria Dentro le Mura di Termoli è ospite del padiglione Eataly ad Expo Milano tra i ristoranti regionali invitati da Oscar Farinetti a rappresentare la cucina e la biodiversità italiana in occasione dell’esposizione universale. Un mese di tempo per conoscere la cucina di Antonio Terzano, con una media di 800 visitatori che ogni giorno affollano il padiglione per assaggiare le orechiette allo scoglio, la parmigiana di pesce azzurro, i polipetti in purgatorio e la frittura di pesce preparati dal ristorante termolese.
«La partecipazione ad Expo è per noi un evento importantissimo – spiega lo chef Antonio Terzano: il confronto con una tale quantità di persone, provenienti da tutti i paesi del mondo, ci sta regalando grandi conferme. Abbiamo riflettutto a lungo prima di accettare l’invito di Oscar Farinetti (cfr. http://www.scattidigusto.it/2015/04/01/expo-2015-eataly-ristoranti-calendario/). “Siamo una piccola osteria: come faremo a garantire una buona qualità dei piatti con un così grande afflusso di visitatori? La nostra cucina piacerà?” Queste erano le domande che ci ponevamo. Alla fine abbiamo accettato: acquistiamo dell’ottimo pesce da fornitori locali, alcuni prodotti come l’olio e la pasta li spediamo direttamente da Termoli, con simpatia e gentilezza riusciamo a gestire code lunghissime e persone affamate che cercano ristoro dopo le visite ai vari padiglioni. Un bilancio assolutamente positivo».
Ulteriori conferme arrivano per l’Osteria dall’ambiente culinario italiano. Ieri, 21 settembre, a Bra (CN) Slow Food Italia ha ribadito la presenza dell’Osteria Dentro le Mura nella guida Osterie d’Italia 2016 con l’assegnazione della prestigiosa chiocciola. Il simbolo di Slow Food identifica quei locali che per la cucina, l’accoglienza e il prezzo contenuto offrono una cucina di qualità ed esprimono i caratteri autentici del territorio di appartenenza. Carlo Petrini, fondatore di Slow Food, il presidente nazionale Gaetano Pescale, Marco Bolasco ed Eugenio Signoroni, responsabili editoriali della guida, hanno premiato i titolari del ristorante Lina di Pompeo e Antonio Terzano sul palco di Cheese, la manifestazione biennale di Slow Food dedicata al formaggio che ha coinvolto più di 270.000 visitatori.

Commenti Facebook