23^ Rassegna Polifonica nazionale “Città di Campobasso”: ultimo appuntamento il 5 ottobre

1371

Ogni anno, in questo periodo,  la nostra città rivive l’evento corale più rappresentativo e, allo stesso tempo, il più affascinante quale è la Rassegna Polifonica Nazionale “Città di Campobasso” con il “patrocinio” della Rgione Molise, della Provincia di Campobasso, del Comune di Campobasso. Gli organizzatori della benemerita Associazione Polifonica Molisana, dando vita a questa lodevolissima iniziativa nel 1992, non avrebbero mai immaginato di giungere alla 23° edizione con il “prestigio” della continuità. Riproporre un happening di questo tipo, di questi tempi, potrebbe essere inteso come una sorta di presunzione.
Potrebbe pure darsi, ma fermarsi avrebbe significato una resa incondizionata. Ecco, in definitiva, il motivo che ci ha spinto alla proposta di questa nuova edizione che racchiude il fascino inconfondibile della coralità in tutte le sue varie sfumature. In questa festa corale si alterneranno cori prevenienti da 4 regioni italiane: Campania, Lazio, Molise, Puglia.

Come di consuetudine il concerto di apertura si è tenuto sabato 27 settembrenella storica chiesa di S. Antonio Abate. L’esibizione a cura del  Coro Giovanile “Diapason” di Rocca di Papa che ha allietato la serata con un delizioso programma  di musiche polifoniche contemporanee e musiche tratte dal repertorio di cantautori contemporanei con appropriati arrangiamenti per coro giovanile.

Secondo appuntamento sabato 4 ottobre nella Cripta della chiesa di S. Antonio di Padova. Il Coro Polifonico “Odegitria” di Locorotondo con  un programma di musiche sacre che vanno dalle arcaiche monodie risalenti al secolo XIV, alle ardite polifonie di sapore squisitamente contemporaneo dei compositori più rappresentativi di musica corale.

La rassegna chiuderà i battenti in una nuova “location” presso l’Auditorium Ex GIL domenica 5 ottobre con la partecipazione di tre cori . Dopo il breve intervento del locale Coro Polifonico Femminile “Samnium Concentus”, si esibirà il Coro Polifonico “Libentia Cantus” di Torre del Greco che proporrà un programma di musiche varie che vanno dai negro spirituals  ad autori di melodie celebri, fino a concludere con un assaggio di una celebre  canzone napoletana adeguatamente arrangiata per coro misto.

Il Coro Polifonico “Odegitria” concluderà la manifestazione con la presentazione, in forma scenica e costumi d’epoca,  di una “commedia madrigalesca”  intitolata “La pazzia senile” di Adriano banchieri. E’ una preziosa novità per la nostra rassegna e per Campobasso. L’azione, cantata sia in italiano che nei dialetti tipici dei vari personaggi, veneto, bolognese e bergamasco, racconta l’amore non corrisposto dei “vecchi” Pantalone e Graziano per Lauretta e Doralice, che si chiude con la sconfitta dei “poveri vecchi pazzi”.

L’esibizione, a cori riuniti, del “Cantamus voce” scritta dal M° Guido Messore, metterà un suggello la chermesse canora.

Commenti Facebook