I sindacati del trasporti replicano a Nagni

726

Riceviamo e pubblichiamo

Gentile Assessore,
dopo aver letto la nota inviata alla stampa anche le OOSS ( Filt Cgil, Fit-Cisl, Uglautofer) possono affermare che un effetto lo abbiamo sortito, ovvero quello di portare ad emersione un evento importante per i riflessi che potrà produrre anche sul TPL della Regione Molise. Non era certo nostra intenzione entrare in tecnicismi né assumere posizioni senza avere esatta cognizione di cosa fosse accaduto nella Conferenza delle Regioni e non era certo nei nostri intendimenti alimentare sterili querelle, infatti avevamo usato, nella nostra nota, una formula ampiamente dubitativa. Ma certamente abbiamo il dovere di puntualizzare che il rammarico di queste OOSS risiedeva e risiede nel dato, non opinabile, che Lei – o meglio la Regione Molise – ha sottoscritto in data 30 settembre 2015 un accordo, assumendo per certo un dato contabile ancora in divenire, al di là delle percentuali. Incertezza contabile determinata proprio dalle richieste avanzate in sede di Conferenza delle Regioni.
Per questo abbiamo ritenuto auspicabile un confronto rassicurante e abbiamo richiesto a tal fine un incontro così da fugare ogni malinteso e, ovviamente, ogni dubbio, ma prendiamo atto che Lei ha preferito altre modalità per rassicurarci sulla effettiva disponibilità delle risorse.
In ogni caso vorrà convenire che, ciò che oggi sentiamo essere considerate azioni eccessivamente cariche di “pathos”, siano conseguenza della quotidiana frustazione di noi che rappresentiamo i lavoratori del TPL gomma, sui quali troppo spesso si riflettono incertezze finanziarie e mancata stabilità del settore che si traduce anche in sistematici ritardi nei pagamenti delle loro mensilità.

Per le Segreterie Regionali
Giorgio Simonetti

Commenti Facebook