Consiglio regionale: approvato rendiconto generale della Regione Molise per l’esercizio finanziario anno 2014

631

Il Consiglio regionale, presieduto dal Presidente Vincenzo Niro, ha approvato nella riunione del 04 agosto due proposte di legge di iniziativa della Giunta regionale:
· Modifiche ed integrazioni all’art. 11 comma 2, nonché agli artt. 12, 20 e 21 ed interpretazione autentica del comma 1, dell’art. 11, della L.R. n. 8 del 4 maggio 2015;
· Rendiconto generale della Regione Molise per l’esercizio finanziario anno 2014.
L’argomento riguardante la proposta di modifica alla legge 15 del 2015 è stato chiesto venisse iscritto all’Ordine del Giorno del Consiglio, per l’immediata discussione, previa esamina e licenziamento da parte della I Commissione consiliare, dal Presidente della Giunta regionale, Paolo Di Laura Frattura, che ha sottolineato l’opportunità di procedere ad un’approvazione immediata del provvedimento, vista la necessità di non interrompere l’erogazione dei pagamenti per i lavori postterremoto. Nella sua relazione il Presidente della I Commissione, Francesco Totaro, che era anche Relatore della proposta di legge, ha rilevato come il provvedimento preveda l’opportunità della fissazione al 31 dicembre 2015 dell’adozione da parte della Giunta regionale della disciplina per l’organizzazione ed il funzionamento del Servizio di Protezione civile. Stesso termine è fissato per l’adozione da parte della Giunta regionale della deliberazione per il regolamento di funzionamento dell’organizzazione e contabilità dell’Agenzia Regionale per la Ricostruzione Post-Sisma. Entro il 1° gennaio 2016, invece, è fissato il termine per l’abrogazione della Legge regionale n. 12 del 2012. È poi assicurata l’interpretazione autentica dell’articolo 11 della Legge regionale n. 8 del 2015, evidenziando “che la prevista decadenza degli organi dell’Agenzia Regionale per la Protezione Civile è da riferirsi unicamente al Direttore e non anche al Collegio dei Revisori dei Conti”. Totaro, in conclusione del suo intervento, ha evidenziato come la proposta di legge della Giunta preveda che, nelle more dell’istituzione dell’Agenzia regionale per la Ricostruzione Post-sisma, il Commissario straordinario dell’Agenzia regionale di Protezione Civile, fino a compimento conclusivo dell’attività dallo stesso espletate, debba assicurare l’esperimento di ogni procedura anche di pagamento. Il Presidente Frattura, nel ringraziare l’Aula per aver accolto la sua richiesta di iscrizione e discussione del provvedimento sull’Agenzia Post-sisma, ha evidenziato come la nuova legge, tra le altre cose, prevede la possibilità di eliminare un passaggio nell’erogazione dei fondi alle aziende che hanno eseguito lavori post-sisma, prevedendo l’erogazione diretta degli importi dovuti alle imprese da parte dell’Agenzia, senza passare per i comuni.
La legge è stata votata da tutti i Consiglieri presenti in aula, con l’astensione dei Consiglieri Federico, Manzo e Monaco. L’Aula ha quindi approvato, dopo la relazione del Presidente della I Commissione Totaro, il Rendiconto generale per il 2014. Totaro, evidenziando come il provvedimento si componga di due parti, Conto di Bilancio e Conto del Patrimonio, ha rilevato come lo stesso abbia ricevuto la parifica da parte della Corte dei Conti. Il Presidente Totaro ha poi affermato che “i conti della Regione Molise sono stati oggetto di verifica dall’Agenzia di rating Moody’s nel corso dell’anno 2014, che ha riconosciuto stabilità all’outlook (prospettiva di rating) dell’amministrazione che è passato da negativo a stabile”. Passaggio, quest’ultimo, come ha evidenziato ancora il Relatore Totaro, “che ha confermato la tendenza positiva dell’andamento dei conti pubblici, riconosciuta espressamente dalla prestigiosa Agenzia di rating internazionale, che ha tenuto conto degli sforzi messi in campo da questo Governo regionale diretti a ristabilire il corretto equilibrio tra entrate e uscite di bilancio”. Il Presidente Frattura ha ricordato, nel suo intervento, come all’atto dell’insediamento della sua Giunta, dopo una verifica fatta sui residui da parte degli ispettori della Ragioneria Generale dello Stato, richiesta dallo stesso Esecutivo, risultava un disavanzo di 60 milioni di Euro. Disavanzo che oggi è sceso a 24 milioni.

Per quanto riguarda poi l’Assestamento di Bilancio del 2014, osservato dal Governo, il Presidente della Regione ha ricordato come nuove disposizioni statali permettono di spalmare il rientro del disavanzo evidenziato in 7 anni, facendo così venire meno ogni eccezione avanzata dagli organi competenti dell’Esecutivo nazionale. La legge è stata quindi votata dalla maggioranza, con il voto contrario della minoranza e l’astensione dei Consiglieri Manzo, Federico e Sabusco. Prima dell’esamina delle due proposte di legge, il Consiglio Regionale, informato dal Presidente Niro della decisione dell’Ufficio di Presidenza, sulla base di un’apposita istruttoria della struttura competente e di un parere dell’Avvocatura dello Stato, di annullare l’elezione del dottor Francesco di Falco a componente del CO.RE.COM per l’applicazione delle misure disposte dal d.lgs. n. 39 del 2013, ha iscritto all’Ordine del Giorno, con il voto favorevole della maggioranza, la contrarietà della minoranza e l’astensione dei Consiglieri Federico e Manzo, l’argomento relativo all’elezione del nuovo membro del Comitato Regionale per le Comunicazioni. All’inizio della seduta odierna, l’Assise regionale, prendendo atto del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri che ha accertato la sospensione del signor Massimiliano Scarabeo dalla carica di Assessore e Consigliere regionale del Molise, ha provveduto alla sua sostituzione con Carlo Veneziale, primo dei non eletti della lista del Partito Democratico. Il neo Consigliere, presente in aula, ha preso posto tra i banchi della maggioranza dichiarando di voler far parte del Gruppo regionale del PD.

Commenti Facebook