Elezioni, Franceschini: “Salvini calvalca la paura, i moderati riflettano”

163

Il ministro dei Beni culturali a Circo Massimo su Radio Capital difende il direttore del Museo Egizio di Torino dagli attacchi di Giorgia Meloni

di MONICA RUBINO  www.repubblica.it

“Salvini cavalca le paure per prendere qualche voto in più”. Il ministro dei Beni culturali Dario Franceschini a Circo Massimo su Radio Capital va all’attacco del leader della Lega e fa un appello ai moderati di centrodestra: “Salvini fa come tutti i populisti europei: prende le paure reali dei cittadini e invece di affrontarle le cavalca per prendere qualche voto in più. Non abbiamo niente a che spartire con lui. Un certo elettorato moderato di centrodestra dovrebbe pensarci prima di mettersi in mano a lui”.

L’APPELLO AI MODERATI: LA DESTRA E’ POPULISTA
Il ministro si dice preoccupato, infatti, da una vittoria del centrodestra perché “questa coalizione è profondamente cambiata: non è più a trazione berlusconiana, quindi moderata, ma si è trasformata a larga maggioranza in una destra estrema e populista”.

Quanto all’effetto Macerata sui sondaggi, che vedono il Pd scivolato al 20% a causa dell’atteggiamento “troppo tiepido”, Franceschini aggiunge: “Ci vuole sempre prudenza nel valutare i sondaggi, la mobilità dell’elettorato è cresciuta, si decide negli ultimi giorni, addirittura nelle ultime ore. In ogni caso trovo terribile che i fatti di Macerata siano diventati un argomento di campagna elettorale”.

NO ALLA GRANDE COALIZIONE
Franceschini esclude poi una ipotesi di grande coalizione dopo il voto, se nessuno dovesse vincere le elezioni: “Lo schema non è mai stato in piedi in Italia. In Germania è fatta da partiti che l’hanno già vissuta e dopo aver discusso per tanto sul programma lo attuano. Qui, quando è stata fatta all’inizio di questa legislatura, abbiamo assistito in maggioranza alla stessa conflittualità tra maggioranza e opposizione. Non credo possa funzionare”. “Le scelte dopo il voto dipendono da chi vince e dal capo dello Stato  – continua –  tornare a votare con la stessa legge produrrebbe lo stesso risultato”. E aggiunge: “Se andasse avanti il governo Gentiloni, di cui anche io faccio parte, sarebbe la conseguenza di un risultato di stallo. E non sarebbe un buon risultato”.

Commenti Facebook