Volume di Papa Giovanni XXIII donato all’Archivio storico diocesano di Larino

606

L’Archivio Storico Diocesano di Termoli-Larino ha ricevuto, in forma permanente, dalla “Fondazione Papa Giovanni XXIII” di Bergamo, una copia del volume “Gli inizi del Seminario di Bergamo e S. Carlo Borromeo”, pubblicato nella città lombarda nel 1939 dall’allora mons. Angelo Giuseppe Roncalli, il futuro Giovanni XXIII. Nell’ampia nota introduttiva, su “Il Concilio di Trento e la fondazione dei primi seminari”, il futuro Giovanni XXIII traccia anche una cronologia delle sacre istituzioni postridentine, assegnando a quella di Larino il primato assoluto nel mondo cattolico.
Si tratta di un dono eccezionale, poiché, il libro in questione, esaurito da molti anni e oggi praticamente introvabile, era quello collocato nello studio privato del Grande Pontefice, oggi Beato e, come è noto, Santo dal prossimo 27 aprile, che l’Arcivescovo mons. Loris Capovilla, già Segretario del “Papa Buono”, ha riversato nella Fondazione bergamasca.

L’idea di ricercare il volume è nata dal desiderio di poterlo esporre nella mostra documentaria che sarà allestita presso l’Archivio Storico Diocesano nel prossimo gennaio, mese in cui sono previste anche altre manifestazioni per solennizzare il 450° anniversario della fondazione del Seminario vescovile (filosofico-teologico) larinese.
La richiesta del prestito, come attesta il documento allegato a firma del Direttore della “Fondazione Papa Giovanni XXIII”, prof. don Ezio Bolis, “dopo attenta valutazione”, si è tramutata in donazione, “a condizione che esso venga esposto in modo permanente e adeguatamente valorizzato…”.
Il ricordo del 450° anniversario dell’inaugurazione del prestigioso sacro istituto larinese (1564 – 26 gennaio – 2014), gloria e vanto non solo per la città di Larino, ma per l’intera attuale diocesi e regione Molise, rimarrà segnato certamente per questa particolare donazione

Giuseppe Mammarella    
Responsabile Archivio storico diocesano
Termoli-Larino

Commenti Facebook