Alimenti da asporto e sporcizia, il comune di Termoli emana l’ordinanza

1029

Il Comune di Termoli richiama l’attenzione su un malcostume diffuso e cioè quello di rovesciare con noncuranza una grande quantità di alimenti e bevande sul suolo pubblico in corrispondenza di esercizi commerciali da cui vengono somministrati, arrecando danno al decoro della città, sporcando la pavimentazione e causando la formazione di cattivi odori.
La popolazione, inoltre, ha espresso più volte il proprio disagio causato dall’ingente quantità di rifiuti provenienti dal consumo di alimenti da asporto e dal loro abbandono a terra in prossimità degli esercizi. Il Comune lo scorso 11-08-2015 ha emesso un ordinanza con la quale si obbligano tutti i titolari, gestori o persone incaricate della gestione di esercizi che somministrano alimenti e bevande da asporto (gelato, kebab, bibite zuccherate, etc.) con o senza dehors fino al 30 settembre 2015:
– di ridurre il più possibile il rischio che gli alimenti si rovescino sul suolo pubblico, anche preventivamente, utilizzando idonei contenitori per l’asporto.
– di lavare prima della chiusura, tutto il suolo pubblico il corrispondenza del proprio esercizio che risulti sporco a causa del rovesciamento di bibite o alimenti, versando l’acqua e ricorrendo se è possibile allo spazzolamento, per mantenere e preservare per quanto sia possibile lo stato di igiene e di decoro della città.-
– si obbliga a tenere esposti e visibili in corrispondenza dell’esercizio per tutta la durata dell’apertura contenitori gettacarte per esterni, di volumetria adeguata al quantitativo di rifiuti, dotati di sacchi a tenuta che una volta pieni saranno ritirati dalla ditta preposta al ritiro dei rifiuti secondo il calendario e le modalità vigenti.
I contenitori devono essere custoditi all’interno dei locali durante l’orario di chiusura, lavati e sanificati periodicamente e secondo necessità. Tutti gli esercizi durante l’orario di apertura dovranno dotarsi e rendere visibili in corrispondenza dell’esercizio di posacenere , sarà cura e dovere dell’esercizio svuotare e consegnare tali rifiuti alla ditta addetta al ritiro secondo il calendario e le modalità vigenti.Durante l’orario di chiusura dell’attività i posacenere dovranno essere custoditi all’interno
del locale e tenuti in maniera decorosa. Si avverte che il mancato rispetto delle disposizioni comporta l’applicazione delle sanzione amministrativa da € 25.00 a € 500,00. Per qualsiasi informazione si ricorda che è possibile rivolgersi al Servizio Clienti della Teramo Ambiente, contattando il numero verde 800 30 10 73 o tramite posta elettronica all’indirizzo: infotermoli.it.

Commenti Facebook