Serie D/ Momentaccio per le molisane In tre nella zona a rischio

475

mister agnoneDisastro. Unico termine idoneo a rappresentare l’attuale momento che stanno attraversando le formazioni molisane impegnate nel campionato di serie D. Tre su quattro navigano nei bassifondi della graduatoria, mentre il Termoli, squadra partita per vincere il campionato, si ritrova a metà classifica. La compagine di Giacomarro è a quattro punti dalla vetta, dato non drammatico, ma si ha davanti ben otto squadre. Nell’ultimo turno i giallorossi hanno lasciato l’intera posta in palio sul campo di una rigenerata Isernia, unica vittoriosa tra le molisane nella 6^ giornata. Superficialità e sottovalutazione dell’avversario hanno contribuito al patatrac. E così gli adriatici hanno gettato al vento una ghiotta occasione per restare incollati al treno delle prime.

Il Termoli ha l’occasione di rifarsi in questo week end quando al Cannarsa arriverà il Sulmona. Squadra ambiziosa e che al momento si trova a due lunghezze dal primato. Occorrerà, pertanto, ben altro piglio a Miani & compagni per centrare l’obiettivo vittoria e servire un pronto riscatto. Cosa che è riuscita domenica scorsa all’Isernia. Tra lo stupore e l’incredulità generale, i pentri hanno messo a segno il primo gol stagionale, centrando un’insperata vittoria. Segnale certo incoraggiante, ma una rondine non fa primavera. E ad Isernia le problematiche restano. Per centrare la salvezza sarà necessario ritoccare l’organico e trovare la necessaria serenità nell’ambiente. Intanto sarà importante lo scontro diretto di domenica contro la Renato Curi Angolana.
Momentaccio per l’Olympia Agnonese che, invece, sta stupendo in negativo. La terza sconfitta consecutiva fa suonare più di qualche campanello d’allarme in casa alto molisana, anche se mister Urbano sta cercando di non drammatizzare. I granata sembrano smarriti e incapaci di ritrovare la via del successo. La situazione si sta facendo problematica anche sotto l’aspetto della classifica, visto che l’ultimo posto dista solo quattro lunghezze. L’Agnone avrà l’opportunità di rifarsi in questo fine settimana quando tornerà a giocare al Civitelle e si troverà di fronte la non irresistibile Recanatese.
Sempre più a picco il Bojano. Squadra che, al pari dell’Isernia, sta attraversando vicissitudini anche al di fuori del rettangolo da gioco. Gli atleti sono perennemente sul piede di guerra, mentre i continui cambi di guida tecnica non agevolano la situazione. I matesini sono ora penultimi e conservano una sola lunghezza di vantaggio su Isernia e Angolana. Domenica al Colalillo arriverà la Jesina, seconda della classe, e per i biancorossi sarà indispensabile, ma problematico, conquistare punti.
rs   

Commenti Facebook