M5S: torna in regione lo spettro della “MegaStalla” della Granarolo

970

La pubblicazione in Gazzetta Ufficiale della Delibera CIPE n. 11 del 14 febbraio 2014  riporta in regione lo spettro della “MegaStalla” della Granarolo. Cittadini e comitati, nonché amministratori, si sono giustamente allarmati perché dopo aver combattuto per mesi hanno visto pubblicata una delibera dal titolo “Contratto di filiera tra il Ministero per le politiche agricole alimentari e forestali “Rancho Gran Manze” che ha preoccupato non poco. Se una spiegazione logica ci può essere, ovvero che la Delibera è stata pubblicata solo ora a valle del vaglio della Corte dei Conti e che la località di Larino viene ancora indicata nonostante la Granarolo nel mese di febbraio, proprio a valle della riunione del CIPE, avesse già rinunciato al progetto in Molise, lo scompiglio che questa notizia ha dato deve far riflettere.
In Consiglio regionale il Movimento 5 Stelle è stato il primo a sollevare la questione, a rendere pubblico il progetto presentato e ad esprimere immediatamente ed inequivocabilmente il proprio NO a questo genere di installazioni, sia per il carattere intensivo e sia per le forti esternalità negative per il nostro territorio, senza trarne pressoché alcun vantaggio in termini di sviluppo e lavoro, come originariamente affermato dal Senatore del PD Ruta.

Ed infatti è stato proprio il Senatore campobassano il primo grande promotore di questo progetto ed è stato anche il primo a ritrattare la sua posizione, magari con un pizzico di stizza. Dopo diversi interventi in Consiglio Regionale si è arrivato ad approvare un deliberato con il quale si impegnava la Giunta a riferire al Consiglio ogni possibile novità sulla vicenda.

Ad oggi quindi dobbiamo stare alle parole di Ruta che assicura che “i riferimenti sulla delibera sono vecchi e vanno aggiornati” ed ancora “la Granarolo ora ha 90 giorni di tempo per comunicare la variazione geografica, e lo farà!”. Riteniamo che molto probabilmente le cose andranno così, ma è sintomatico rendersi conto che i cittadini molisani proprio non si fidano di chi la rappresenta, a tutti i livelli istituzionali: è bastato un semplice articolo di giornale per mettere in dubbio pesantemente le parole degli uomini del PD, siano essi Senatori o Presidenti!

Commenti Facebook