Cisl Poste/ D’Alessandro: “Temiamo per la tenuta dei posti di lavoro”

146

Alla vigilia di decisioni importanti per la politica italiana, non possiamo estraniarci da considerazioni che ci riguardano da vicino – afferma il Segretario della CISL Poste Antonio D’Alessandro – poiché ci rendiamo conto che l’economia non può aspettare i tempi della politica. La preoccupazione per l’attuale situazione economica è concreta e drammatica e, purtroppo, già nel prossimo mese di settembre molti nodi irrisolti rischiano di esplodere in tutta la loro gravità. Questo stato di cose sospeso rischia di diventare deflagrante dal punto di vista della produzione industriale e della tenuta dei posti di lavoro. Per questo motivo ci auguriamo venga trovata una soluzione rapida alla crisi, per mano del Parlamento e del Presidente della Repubblica. Le decisioni da prendere in tema di emergenza occupazionale o riguardanti l’utilizzo delle risorse destinate alle politiche attive e passive, la programmazione e riprogrammazione di quelle indirizzate al lavoro e allo sviluppo non possono aspettare i tempi della politica. Siamo preoccupati e ci aspettiamo di vedere dure e coraggiose prese di posizioni, al di là delle appartenenze – continua Antonio D’Alessandro – in quanto i temi veri che le famiglie molisane sentono sulla propria pelle sono concreti e preoccupanti e riguardano la mobilità in deroga prevista in Molise, la situazione della GAM ferma da troppo tempo al tavolo ministeriale, riguardano l’avvio della Zone Economiche Speciali e il Contratto Istituzionale di sviluppo, sul quale decine di comuni fanno affidamento. Considerata l’urgenza e la gravità che la crisi occupazionale sta rivestendo in Molise, è indispensabile e non più rinviabile una programmazione complessiva delle azioni e una calendarizzazione dei singoli temi da trattare per affrontare e trovare soluzioni alle criticità aziendali che coinvolgono le società partecipate, le piccole e medie imprese ed intere filiere produttive regionali. La preoccupazione – Conclude Antonio D’Alessandro – è che la situazione possa aggravarsi maggiormente a causa dei soliti giochi politici e di vuote strategie elettorali che, trascurando la situazione di difficoltà socio-economica regionale, non hanno interesse a risolvere le problematiche della collettività, a partire dalla incertezza occupazionale che, sempre di più, non offre prospettive concrete ai nostri giovani e non lascia speranze ai lavoratori precari ed a chi, in misura sempre maggiore, continua a perdere il proprio posto di lavoro.

Il Coordinatore SLP-Cisl Molise

Commenti Facebook