Il Guerriero Sannita al fianco dell’Associazione Magistrati del Molise

741

Il Movimento regionale del Guerriero Sannita condivide le preoccupazioni dell’Associazione Magistrati del Molise, l’accorpamento della Corte d’Appello del Molise ad altre realtà porterebbe inevitabilmente la soppressione di altri Uffici giudiziari come la Procura Generale presso la Corte di Appello, Tribunale e Procura per i Minorenni, Tribunale di Sorveglianza, Avvocatura Distrettuale dello Stato e paragiudiziari, dai comandi regionali delle Forze dell’Ordine alla Questura e magari alla stessa Prefettura di Campobasso e di altri Uffici pubblici istituiti su base regionale o provinciale :” Agenzia delle Entrate, Inps, Inail, Vigili del Fuoco”.

Tale depauperamento comporterebbe inesorabilmente la riduzione della popolazione determinata dai connessi trasferimenti di numerosissime famiglie di impiegati in altre sedi, anche gli enti privati come banche e assicurazioni chiuderebbero o comunque ridurrebbero le loro sedi, con tutti i conseguenti effetti dirompenti sui commercianti, sui liberi professionisti e sugli imprenditori, costretti a loro volta a chiudere i propri uffici ed esercizi, con conseguente ulteriore crescita del tasso di disoccupazione di giovani e lavoratori».

E’ convinzione del Movimento che ciò rappresenterebbe la definitiva “morte” del nostro amato territorio.

A tal riguardo il Movimento regionale del Guerriero Sannita facendo proprio l’appello dell’Associazione Magistrati del Molise:” occorre a che l’opinione pubblica, la classe politica tutta senza distinzione di appartenenza, gli ordini professionali, i partiti, i sindacati e tutte le associazioni rappresentative delle istanze sociali e territoriali si attivino immediatamente al fine di contrastare progetti altamente deleteri per l’intera comunità molisana”, suggerirebbe di organizzare una task force tra tutte le forze precedentemente menzionate e che possibilmente se ne faccia promotore il Sindaco di Campobasso Antonio Battista, che rappresenta il Sindaco capoluogo di regione e sede di tutti gli uffici regionali periferici dello Stato, per decidere unitariamente tutte le eventuali azioni da mettere in campo a difesa di dette Istituzioni.

Commenti Facebook