Home Blog

L’occhio che uccide/ Il Molise combatte il covid in modo naturale

Si tratta di una vera e propria strategia, non di un fenomeno episodico. Il Molise si sta distinguendo per un approccio innovativo alla pandemia, tutto basato sulla flora e sulla fauna locale. Superata l’idea che il virus si combatta solo con politiche sanitarie ( in un ospedale ci si sta se si è ammalati, se non si è ammalati è logico che lo si debba diventare) la nostra regione si è avviata su un sentiero solitario ma promettente.

La testimonianza di tutto questo sono le ordinanze del presidente della Regione, Donato Toma che hanno costellato il periodo pandemico. Si è partiti con il taglio della legna e con i lavori nei campi, si è passati alla raccolta del tartufo per poi arrivare alla caccia al cinghiale e, ultimo e prezioso tassello del progetto, il divieto di ammazzare il maiale. La mossa a sorpresa ha creato un grande scompiglio nel mondo animale.

In particolare i cinghiali lamentano una grave violazione costituzionale con una evidente disparità di trattamento. Loro, abituati ad essere predatori diventano carne da cannone mentre i loro cugini, anziché trasformarsi in cotechini, salsicce e soppressate vengono salvati e amnistiati La motivazione ufficiale, secondo i cinghiali, non regge. Se è vero che l’uccisione del maiale di solito si accompagna a feste e assembramenti bastava vietare le feste e gli assembramenti. Quindi, concludono i cinghiali, c’è una evidente volontà politica di cambiare le gerarchie secolari nel mondo dei suini.

Ma non sono solo i cinghiali a protestare. Vitelli, agnelli e capretti stanno pensando ad una grande manifestazione davanti la sede della Giunta regionale. Anche noi ci immoliamo per feste, pranzi e barbecue ma nessuno ci ha mai graziato. In particolare agnelli e capretti chiedono, con l’avvicinarsi della Pasqua e della Pasquetta al presidente Toma di risparmiare la solita, tragica ecatombe. Il Presidente, però, tira dritto per la sua strada. Anzi è intenzionato a rilanciare.

Sono allo studio nuove e più incisive ordinanze. Dal divieto di preparare, cucinare e consumare il brodo di pollo (un tentativo forse di ingraziarsi il mondo dei volatili) alla raccolta in sicurezza dei mughetti e della margherite da campo. In agenda anche una ordinanza per vietare la produzione, distribuzione e vendita di prodotti alimentari che ingenerano confusione con i rappresentanti delle istituzioni locali (toma e tomini principalmente ma potrebbe essere interessato anche il Presidente della Provincia di Isernia Ricci).Il tutto da far confluire in un unico grande quadro riepilogativo.

Il Presidente, infatti, pensa di mettere in musica, con la sua preziosa chitarra, questa mole originale di produzione giuridica e realizzare così un Cd da regalare al popolo molisano. Un Cd da utilizzare in sicurezza, per rilassarsi quando si è da soli e sconfiggere così, con la natura, il pericolo pandemico. Cioè quando si va in bagno.

Aigor

Potete ascoltare la rubrica del nostro Aigor anche nel corso del telegiornale di Trsp, ogni martedì sui canali 15 per il Molise e 17 per l’Abruzzo

Commenti Facebook

Apicoltura/ Il miele di Nazario Fania è uno dei migliori al mondo

E’ proprio il caso di dire che il duro lavoro ad un certo punto viene premiato; è il caso dell’impegno profuso da Nazario Fania nell’apicoltura, fino a diventare eccellenza a carattere internazionale.

Fania è un imprenditore di alto profilo, che punta tutto sulla qualità assoluta e un lavoro certosino che si basa sulla conoscenza profonda delle api e del loro lavoro e di luoghi che lui conosce bene e raggiunge anche quando agli altri sembra impossibile farlo.

Così il pregiatissimo miele di sulla delle coline molisane, già noto ai palati sopraffini, ha ricevuto un ambito e prestigioso riconoscimento a Parigi, al ”Paris Honey Awards 2024” ottenendo la ‘Gold quality’. Un prodotto di alto livello che è stato riconosciuto dalla giuria qualificatissima come uno dei migliori mieli al mondo.

Un riconoscimento che lo proietta oltre i confini nazionali della qualità, che già aveva raggiunto da tempo e lo lancia nel panorama internazionale, quello che gli spetta di dovere.

(s.m.)

Commenti Facebook

Cronaca nazionale/ Crollo di un solaio, trovato il corpo della quinta vittima

E’ bilancio di vittime terribile.

Individuato dai vigili del fuoco il corpo senza vita dell’ultimo operaio ancora disperso dopo il crollo avvenuto venerdì scorso, 16 febbraio, all’interno del cantiere di un supermercato a Firenze.
Il bilancio definitivo sale a cinque vittime e tre feriti.

Commenti Facebook

24ª Giornata di Raccolta del Farmaco: donate 600mila confezioni di medicinali, aiuteranno almeno 430mila persone

FOTO DI REPERTORIO

Durante la 24ª Giornata di Raccolta del Farmaco di Banco Farmaceutico (6–12 febbraio), sono state donate quasi 600.000 confezioni di medicinali, pari a un valore di oltre 5 milioni di euro. Aiuteranno almeno 430.000 persone in condizione di povertà sanitaria di cui si prendono cura 2.012 realtà assistenziali convenzionate con la Fondazione Banco Farmaceutico. Tali realtà hanno espresso un fabbisogno di 1.381.845 farmaci, coperto, grazie alla GRF, al 42%. All’iniziativa hanno aderito 5.689 farmacie in tutta Italia. Sono stati coinvolti più di 25.000 volontari e oltre 19.000 farmacisti. I titolari delle farmacie hanno donato a Banco Farmaceutico oltre 840.000 euro. Nel Molise hanno aderito 16 farmacie e sono state raccolte 1.740 confezioni (pari a un valore di 15.565,00 €) che aiuteranno 9 realtà assistenziali che contribuiranno a curare 2645 persone. La GRF si svolge sotto l’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica, con il patrocinio di AIFA e in collaborazione con Cdo Opere Sociali, Federfarma, Fofi, Federchimica Assosalute, Egualia – Industrie Farmaci Accessibili. Intesa Sanpaolo è Partner Istituzionale dell’iniziativa. La GR F è realizzata grazie all’importante contributo incondizionato di IBSA Italy, Teva Italia, EG Stada Group e DHL Supply Chain Italia e al sostegno di DOC Generici, Accord Healthcare, Piam Farmaceutici, Zentiva Italia e Zuccari. La Raccolta è supportata da RAI per la Sostenibilità – ESG, Mediafriends, La7, Sky per il sociale, e Pubblicità Progresso. È necessario continuare a sostenere le realtà assistenziali che si prendono cura dei bisognosi: la spesa farmaceutica a carico del SSN è pari a 12,5 miliardi di euro, mentre 9,9 miliardi sono pagati dalle famiglie. Sia da quelle non povere, sia da quelle povere, che pagano interamente il costo dei farmaci da banco e (salvo esenzioni) il ticket. Val la pena ricordare, inoltre, che senza il Terzo settore sanitario la tenuta della sanità italiana sarebbe a rischio. Le associazioni benefiche, infatti, sono almeno 1/5 del totale delle strutture sanitarie italiane (oltre 27.000). Banco Farmaceutico è impegnato in numerose missioni ed emergenze umanitarie (es. in Ucraina, a Gaza e in Libano), per rispondere alle quali nell’arco di 24/48 ore ha istituito il Fondo per le Emergenze Farmaceutiche.

«Ogni farmaco raccolto è stato l’esito di un movimento di gratuità di cui hanno fatto
parte tanti soggetti anche molto diversi tra loro: i volontari, i farmacisti, i donatori e le
aziende sostenitrici. Grazie di cuore a tutti coloro che si sono coinvolti nella GRF,
perché ognuno di quei farmaci raccolti farà la differenza per la salute di almeno una
persona bisognosa. E perché questo movimento ha testimoniato ancora una volta
come la natura umana sia fatta per la bellezza e per il bene comune, rivelando la
possibilità che anche questa nostra società possa cambiare, riqualificarsi, diventare
più giusta» ha dichiarato Sergio Daniotti, presidente della Fondazione Banco
Farmaceutico onlus.
«Le farmacie anche quest’anno hanno partecipato con impegno e con grande spirito di
responsabilità sociale alla Giornata Nazionale di Raccolta del Farmaco, per dare un
aiuto concreto alle famiglie in difficoltà dal punto di vista sanitario, sociale ed
economico. La farmacia si conferma così un luogo di attenzione ai bisogni della
collettività, sempre aperto e vicino al cittadino, anche nelle aree più interne del paese,
per garantire a tutti uguaglianza di acceso al farmaco» dichiara il presidente di
Federfarma Nazionale, Marco Cossolo.
«Anche quest’anno gli italiani non hanno mancato l’appuntamento con la solidarietà e
gli ottimi risultati raggiunti confermano il forte senso di coesione sociale e l’attenzione
dei cittadini verso i bisogni delle persone che vivono in condizioni di difficoltà
economica», ha dichiarato Andrea Mandelli, Presidente della Federazione degli
Ordini dei Farmacisti Italiani (FOFI). «Un ringraziamento particolare va ai volontari
che hanno dato un contributo fondamentale alla raccolta dei medicinali e a tutti i
farmacisti che ogni anno aderiscono sempre più numerosi a questa nobile iniziativa,
mettendosi a disposizione delle comunità e rafforzando la propria vocazione
nell’essere ogni giorno per le persone un punto di riferimento sul territorio».

COME SOSTENERE BANCO FARMACEUTICO
✔ Sostegno Diretto – È possibile effettuare una donazione con PayPal, carta di
credito o bonifico all’Iban IT23J0311002400001570013419, e destinando il proprio
5X1000 al C.F. 97503510154. Le donazioni aiuteranno a coprire le spese per la
consegna dei farmaci. Per info: https://www.bancofarmaceutico.org/dona-ora
✔Donazioni Aziendali – Invitiamo le aziende a contattarci scrivendo a
[email protected]
✔ Recupero Farmaci Validi – Per info su come donare i medicinali di cui non si ha
più bisogno: https://www.bancofarmaceutico.org/cosa-facciamo/recupero-farmaci-
validi

Commenti Facebook

Progetto “Ethosland” promosso dal centro commerciale “Il Centro del Molise”: messi a dimora 20 alberi

Sono 20 i nuovi alberi messi a dimora presso l'area verde a valle del parco XXV novembre, compresa tra l'ex Romagnoli e via Gazzani. Si tratta di 4 lecci, 4 cerri, 4 roverelle e 8 platani, impiantati nell'ambito del progetto "Ethosland" promosso dal centro commerciale “Il Centro del Molise”, affiliato al gruppo Ethos, con il patrocinio e la collaborazione del Comune di Campobasso.
L'iniziativa di forestazione urbana rientra in un più ampio progetto che prevede la messa a dimora di oltre duemila alberi in 22 città italiane, tra cui Campobasso, allo scopo di bilanciare e compensare le emissioni diCo2.“La realizzazione del progetto Ethosland è stata anche l'occasione per riqualificare ulteriormente un'area verde strategica per il centro cittadino al fine di trasformarla, con lo sviluppo futuro delle piante, in un vero e proprio polmone verde in pieno centro urbano – afferma l’assessore all’Ambiente Simone Cretella. 
Un'area, tra l'altro, giào ggetto di diverse iniziative di rigenerazione attraverso la sistemazione del verde, la realizzazione di un Dog Park e il rifacimento dei sentieri e delle scalinate di accesso, al fine di migliorarne decoro e fruibilità”. 
Commenti Facebook

Pietro Genovese a processo per evasione dai domiciliari

(Adnkronos) – E’ stato rinviato a giudizio per l’accusa di evasione dai domiciliari Pietro Genovese, il ragazzo già condannato a cinque anni e quattro mesi per la morte di Gaia von Freymann e Camilla Romagnoli, le due 16enni investite e uccise dal giovane la sera del 22 dicembre del 2019 a corso Francia, a Roma, mentre attraversavano la strada. I fatti contestati in questo procedimento risalgono al 16 gennaio 2021 quando Genovese si trovava agli arresti domiciliari e, secondo l’accusa, i carabinieri durante un controllo di rito avevano citofonato senza ottenere risposta. “Non c’e’ alcuna immagine delle telecamere a circuito chiuso di Pietro Genovese mentre esce di casa. Non c’e’ prova dell’evasione”, ha detto in aula l’avvocato Gianluca Tognozzi, difensore di Genovese. Il processo e’ stato fissato per il prossimo 20 marzo.  —[email protected] (Web Info)

Commenti Facebook

Lavoro/ Assunzioni al Comune di Venafro, 3 bandi di mobilità

Riparte la macchina delle assunzioni al Comune di Venafro. Entro la fine dell’anno in corso,
l’Amministrazione comunale attuerà il piano delle assunzioni predisposto nel PIAO approvato con delibera di Giunta Comunale n. 02 del 08/01/2024, esecutiva ai sensi di legge con la quale si è provveduto appunto ad approvare lo stralcio del piano integrato di attività e organizzazione
2024/2026 – sezione 2.3 “Organizzazione e capitale umano” – sottosezione 2.3.3 “Programmazione piano triennale dei fabbisogni di personale”;

Sono stati pubblicati sul sito del Comune di Venafro e sul nuovo portale unico del reclutamento di personale InPA n. 3 bandi di mobilità che riguardano i seguenti profili professionali:
N. 1 AGENTE DI POLIZIA LOCALE APPARTENENTE ALL’AREA DEGLI ISTRUTTORI PART TIME 50%
N. 1 ISTRUTTORE AMMINISTRATIVO APPARTENENTE ALL’AREA DEGLI ISTRUTTORI
N. 1 COLLABORATORE AMMINISTRATIVO APPARTENENTE ALL’AREA DEGLI OPERATORI ESPERTI

Tra i requisiti necessari per partecipare alle procedure di mobilità si evidenzia quello di essere in possesso del nulla osta al trasferimento rilasciato dall’Amministrazione di appartenenza o essere in possesso della dichiarazione preventiva al nulla osta al trasferimento rilasciato
dall’Amministrazione di appartenenza o dichiarazione adottata dall’organo competente dell’ente di appartenenza che il candidato/a non è una figura infungibile e che l’eventuale mobilità non
determina una carenza di organico superiore al 20 per cento della qualifica corrispondente a quella richiesta.

La scadenza è fissata in 30 gg dalla data di pubblicazione dei bandi.
“Proseguiamo con convinzione verso la realizzazione dell’obiettivo che ci eravamo prefissati fin
dalla passata consiliatura: implementare una pianta organica che negli anni si era più che
dimezzata, perdendo decine di unità – sottolinea Antonella Cernera, assessore al Personale – per imprimere ulteriore slancio ed efficienza all’attività amministrativa del Comune dopo i buoni
risultati conseguiti nel 2022 e 2023, quando si è riusciti a reclutare ben 8 dipendenti.

Ricordo, infatti, che tra dicembre 2022 e giugno 2023 sono state espletate le procedure di mobilità e di attingimento da graduatorie che ci hanno permesso di assumere ben 8 dipendenti di cui 7 cat. C (1 amministrativo assegnato agli affari generali, 2 amministrativi attualmente impiegati all’ufficio anagrafe, 1 amministrativo contabile assegnato all’ufficio ragioneria, 2 tecnici assegnati all’ufficio urbanistica, 1 tecnico part-time assegnato ai lavori pubblici) e 1 cat. D (assegnato all’ufficio ragioneria). E ancora sono stati assunti, ex art. 110 T.U.E.L., due responsabili impiegati uno nel settore Affari generali e uno nel settore Urbanistica”.

“Come amministrazione continueremo a lavorare, unitamente agli uffici – che ringrazio per il
lavoro svolto – per procedere ad ulteriori assunzioni che saranno in parte oggetto di procedura
concorsuale come previsto dal citato PIAO, perché siamo convinti che le risorse umane sono la
componente essenziale per qualsiasi lavoro, lo sono ancora più per un ente pubblico e per
l’erogazione di servizi destinati ai cittadini” – conclude Cernera.

Commenti Facebook

Migranti, Piantedosi: “Da inizio anno arrivi in Italia -65%, segnale positivo”

(Adnkronos) – ''Dall'inizio dell'anno al 19 febbraio scorso in Italia si registra una netta riduzione del numero dei migranti sbarcati pari a circa il 65% rispetto all'analogo periodo dello scorso anno e con un calo anche rispetto ai numeri registrati nel 2022''. Lo ha detto il ministro dell'Interno, Matteo Piantedosi, rispondendo al question time alla Camera sugli sbarchi. ''È ragionevole ritenere che siamo in presenza di un oggettivo segnale positivo, se si considera che quello in corso è il quinto mese consecutivo in cui si registra una sensibile riduzione degli sbarchi rispetto all’analogo periodo dell’anno precedente'', ha aggiunto.  ''Un elemento centrale della credibilità delle politiche migratorie – ha sottolineato Piantedosi – resta la fermezza nei confronti di coloro che non hanno titolo a permanere in Italia, mediante l’intensificazione delle azioni di controllo del territorio e delle iniziative di rafforzamento delle attività di rimpatrio degli irregolari''. ''L’obiettivo primario del governo, e lo sottolineo nel ricordo del dolore per le 94 vittime della tragedia di Cutro avvenuta un anno fa, è stato, sin dal suo insediamento, quello di contrastare il vergognoso traffico di migranti, a partire dall’adozione di una serie di interventi legislativi, tutti ispirati dalla necessità di affermare un più rigoroso rispetto delle regole in materia di migrazione. E questo perché solo bloccando le partenze gestite dai trafficanti si evitano le tragedie dei naufragi'', ha detto il ministro dell'Interno. ''Sul piano delle relazioni internazionali, abbiamo intensificato, sia a livello bilaterale che multilaterale, le iniziative di collaborazione con i Paesi di origine e di transito dei flussi migratori, in particolare con Libia e Tunisia, per il rafforzamento delle loro capacità operative di contrasto dell’immigrazione illegale, via terra e via mare'', ha aggiunto. Inoltre ''stiamo lavorando per potenziare i rimpatri volontari assistiti da Libia e Tunisia verso i Paesi di origine, con la collaborazione delle più importanti organizzazioni umanitarie''. Rispondendo al question time, ''rispetto all’iniziativa commemorativa dell’attivista Navalny'' ai giardini Anna Politkovskaja del 18 febbraio scorso, Piantedosi ha spiegato: "La questura di Milano ha riferito che l’intervento del personale della Polizia è stato improntato esclusivamente all’esigenza di assicurare che vi fossero tutte le condizioni di sicurezza per lo svolgimento della manifestazione, a garanzia degli stessi partecipanti, a fronte di informazioni molto sommarie e poco precise circa l’identificazione del promotore e le modalità di svolgimento contenute nel preavviso ricevuto''. ''Solo per questi motivi – ha precisato – e non palesandosi il promotore, gli operatori procedevano all’identificazione delle persone presenti all’iniziativa''. ''Non vi è alcuna direttiva ministeriale a cui si sia riferita la scelta operativa'', ha sottolineato Piantedosi. Una scelta operativa ''legittima'', ha precisato, ''poiché l’identificazione è una prerogativa delle forze di polizia sempre affidata alla scelta del personale in servizio e alla sensibile valutazione del contesto operativo e, anche nel caso in questione, non aveva evidentemente alcuna finalità di impedire o ostacolare il libero esercizio dell’iniziativa, ma, anzi, di garantirne l’ordinato svolgimento''.  ''In relazione ai fatti di Milano'' e ad altri episodi, ''diversi nelle loro dinamiche e connessi allo svolgimento di distinte manifestazioni pubbliche'' va subito ''respinta ogni suggestione che vi sia un disegno del Governo per reprimere il dissenso politico e che questo disegno sia eseguito dalle forze di polizia nel corso dei servizi di ordine pubblico'', ha detto il ministro dell'Interno. —[email protected] (Web Info)

Commenti Facebook

Allarme smog, da sport all’aperto a mascherina in bici: cosa fare e cosa no

(Adnkronos) – Cautela per le corse nei parchi cittadini e negli spostamenti in bicicletta in presenza di livelli elevati di smog. L'aria inquinata che attanaglia in questi giorni le città, in particolare in Lombardia e Pianura Padana, invita a qualche attenzione in più per proteggere la nostra salute. "Nelle ore di punta, quando l'aria è più inquinata, non è consigliabile fare sport all'aperto". E per chi si sposta in bicicletta "l'uso di mascherine Ffp2 può essere d'aiuto". Così come è meglio "non portare i bambini al parco nelle ore e nelle aree a maggior rischio smog. E, se si può, è utile portarli in gita fuori città nel weekend". Lo spiega all'Adnkronos Salute Carlo Vancheri, docente di Malattie respiratorie all'università di Catania e past president della Società italiana di pneumologia (Sip), secondo il quale "non si deve fare allarmismo, ma sono utili comportamenti adeguati, ovviamente diversi a seconda del grado di vulnerabilità delle persone". 'L'impatto dell'inquinamento – continua – non è uguale per tutti. Dobbiamo fare distinzione tra chi è sano e chi soffre di patologie respiratorie croniche, chi è asmatico, anziano. Queste persone devono fare più attenzione. Evitare di uscire nelle ore in cui c'è maggiore concentrazione di inquinanti. E, in generale, limitare le uscite per ridurre il più possibile l'esposizione". Anche per chi sta bene, in questo periodo "per l'attività fisica all'aperto si possono scegliere le ore del primo mattino – consiglia lo pneumologo – quando c'è meno traffico automobilistico e vengono meno usati i riscaldamenti. O anche concentrare le attività il sabato e la domenica". Particolare attenzione va tenuta per i bambini, "che sono più bassi e quindi respirano di più l'aria inquinata. Meglio scegliere quindi di farli uscire in zone dove il traffico automobilistico è minore", conclude l'esperto sottolineando "che le persone sane non devono allarmarsi per esposizioni di pochi giorni. Ma quelle più vulnerabili rispetto alle patologie respiratorie devono proteggersi particolarmente e, ripeto, stare a casa il più possibile perché la loro malattia può peggiorare".  Lo smog è alleato di virus e batteri. "Il particolato può determinare un'irritazione delle prime vie aeree e quindi una maggiore suscettibilità dell'albero respiratorio alle infezioni". Lo sottolinea all'Adnkronos Salute Fabrizio Pregliasco, virologo dell'università Statale di Milano. Il legame fra polveri sottili e virus è stato più volte discusso ai tempi dell'emergenza Covid. "Io stesso ho firmato un articolo sulla correlazione tra fattori ambientali e Covid-19", ricorda Pregliasco. "Effettivamente il particolato può irritare le alte vie respiratorie, esponendole a un maggior rischio infettivo", conferma. In questi studi "la densità di popolazione è sicuramente un possibile fattore confondente che va considerato", precisa l'esperto. "Ma certamente – chiosa – la non qualità dell'aria aiuta le infezioni dell'albero respiratorio in generale, Covid compreso". —[email protected] (Web Info)

Commenti Facebook

Von der Leyen: “Difenderemo democrazia da euroscettici e amici di Putin”

(Adnkronos) – "Dobbiamo proteggere quello che rende unica e forte l'Europa: la nostra democrazia e i nostri valori. Siamo un'Unione di 27 Paesi, con un appeal tanto forte che molti altri Stati vogliono unirsi a noi, dai Balcani Occidentali all'Ucraina. Questo è il grande successo dell'Europa e dobbiamo continuare a difenderlo da coloro che vogliono dividerci, gli euroscettici e gli amici di Putin, che siano dentro l'Ue o fuori". Lo dice la presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen, a Bruxelles in un punto stampa nella sede del Parlamento.  
"Insieme siamo riusciti a preparare l'Ue per il futuro", ma "c'è ancora molto da fare", dice von der Leyen dopo che il gruppo del Ppe l'ha confermata come unica candidata dei Popolari alla presidenza della prossima Commissione (la nomina a 'Spitzenkandidatin', candidata di punta, verrà ufficializzata dal congresso del Ppe a Bucarest, il 6-7 marzo). "Dal 2019 ad oggi – ricorda von der Leyen – sono successe tantissime cose. Questi cinque anni mi hanno insegnato molto, ho anche imparato quante cose si possono fare. Il mio mandato è iniziato con la Brexit, anche se tendo a dimenticarlo. Ero in carica da soli 100 giorni, quando l'Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato la pandemia da Covid-19. E' stato un periodo terribile, ma lavorando con il Parlamento e gli Stati membri siamo riusciti ad aprire nuovi terreni, mantenendo unito il nostro mercato".  "Siamo anche riusciti, grazie a Next Generation Eu – prosegue – ad evitare una grave recessione economica. Poi, mentre la ripresa dell'Ue era in corso, la Russia ha invaso l'Ucraina. Siamo stati con Kiev sin dal primo giorno: non ho dimenticato come Vladimir Putin ha tentato di ricattarci, sfruttando la nostra dipendenza dal gas russo. Siamo rimasti saldi, passando attraverso la maggiore crisi energetica degli ultimi 40 anni. Siamo riusciti a trasformarla in una opportunità, diversificando con Paesi amici come gli Usa e la Norvegia, aumentando la nostra efficienza energetica, investendo nell'energia pulita prodotta nell'Ue. Oggi l'Europa è più vicina alla resilienza energetica di quanto non sia mai stata", sottolinea.  "Io lavoro con chi è pro Ue, pro Nato e pro Ucraina, con chi sostiene i valori democratici", dice la presidente della Commissione Europea, ricandidata, rispondendo a Bruxelles, a fianco del capogruppo del Ppe Manfred Weber, a chi le chiede se accetterà i voti dell'Ecr quando la nomina passerà al vaglio del Parlamento Europeo.  "Sappiamo che ogni elezione europea porta dei cambiamenti nella composizione dei diversi partiti e dei diversi gruppi parlamentari – continua – contano i contenuti e chi difende la democrazia contro gli euroscettici, chi difende i nostri valori contro gli amici di Putin. Questi sono quelli con cui intendo lavorare". Per von der Leyen è "impossibile" lavorare con chi è "contro lo Stato di diritto" e con "gli amici di Putin. Ci devono essere posizioni politiche chiare". "E non sappiamo – aggiunge, alludendo verosimilmente alle defezioni che potrebbero subire i Conservatori (si parla, tra l'altro, dei Demokraterna svedesi e dell'N-Va fiammingo, oggi nell'Ecr, che non avrebbero gradito l'ingresso dei francesi di Reconquete, né sarebbero a favore dell'ingresso di Fidesz) – chi formerà l'Ecr dopo le elezioni, né quali gruppi lo lasceranno e, per esempio, si uniranno al Ppe, cosa che è possibile". Insomma, "la linea di confine è: difendi la democrazia? Difendi i nostri valori? Sei fermo nel difendere lo Stato di diritto? Sostieni l'Ucraina? Combatti contro il tentativo di Putin di dividere l'Europa? Queste risposte devono essere molto chiare", scandisce von der Leyen. —internazionale/[email protected] (Web Info)

Commenti Facebook

Milo e Tina, le mascotte delle Olimpiadi Milano Cortina in tour negli uffici Deloitte a Milano

(Adnkronos) – In una giornata fuori dal comune Deloitte, presso gli uffici della sede di Milano, ha accolto Milo e Tina, le Mascotte ufficiali di Milano Cortina 2026, i prossimi Giochi Olimpici e Paralimpici Invernali che verranno ospitati dal nostro Paese tra meno di due anni e di cui Deloitte è Professional Services Partner. La visita ha rappresentato l’occasione per presentare ai due ospiti speciali le persone di Deloitte e gli spazi della sede principale di Deloitte Italia, a Milano in Via Tortona 25.  Ad accogliere Mila e Tino, oltre al CEO di Deloitte Italia, Fabio Pompei, si sono presentate numerose persone di Deloitte che non hanno perso l’occasione unica per farsi un selfie con i due simpatici ermellini. “Ci avviciniamo a grandi passi verso Olimpiadi e Paralimpiadi e ci sentiamo sempre più parte di questo grande evento” dichiara Fabio Pompei, CEO di Deloitte Italia. “La presenza speciale di Milo e Tina presso i nostri uffici ha creato un legame ancora più forte tra Deloitte e Milano Cortina 2026, un grande evento su scala globale che rafforzerà la crescita e lo sviluppo del nostro Paese. I valori che le Mascotte stanno portando e continueranno a portare in tour sono i medesimi in cui Deloitte si riconosce: la diversità come ricchezza, l’aiuto reciproco, la collaborazione per il raggiungimento di obiettivi comuni e il rispetto per l’ambiente. Siamo sinceramente orgogliosi di aver ospitato Milo e Tina e di aver creato un’occasione per permettere alle nostre persone di conoscere le Mascotte ufficiali. Per noi si è trattato di un momento simbolico, rappresentativo della nostra vicinanza alla Fondazione Milano Cortina 2026 e, più in generale, della nostra vitale partecipazione a quello che è l’evento sportivo per eccellenza”. Durante questa giornata da “consulenti” vissuta in ufficio da Milo e Tina, per Deloitte c’è stata l’occasione di raccontare il proprio impegno professionale, l’attenzione verso le proprie persone e la società.  Deloitte Italia supporta la Fondazione Milano Cortina 2026 in un progetto ambizioso e complesso, fondamentale e strategico per tutta l’Italia, un’opportunità che ha scelto di cogliere proprio per la sua presenza capillare sul territorio nazionale, in linea con gli obiettivi del proprio network di supporto all’economia locale e al Made in Italy. Inoltre, la partnership tra Deloitte Italia e la Fondazione Milano Cortina 2026 – che segue quella decennale tra Deloitte Global e il Comitato Olimpico Internazionale e che riguarderà cinque edizioni dei Giochi, sia estivi sia invernali – rientra a pieno titolo negli obiettivi di Impact for Italy, il programma lanciato dal network di Deloitte Italia a gennaio 2020, per contribuire alla crescita del sistema Paese attraverso soluzioni sostenibili e innovative, adeguate alle nuove esigenze.  —[email protected] (Web Info)

Commenti Facebook

TEMPO LIBERATO

Terminus Visione/Raduno del IV Raggruppamento Alpini a Campobasso (VIDEO)

A Campobasso si è tenuto il raduno del IV Raggruppamento Alpini, che comprende le sezioni del Centrosud e delle Isole. Le sezioni del...

Terminus Visione/ Ricetta Panna Cotta fatta in casa (VIDEO)

La panna cotta è un dolce al cucchiaio, e prepararla in casa è semplice ed alla portata di tutti.

Terminus Visione/Festival internazionale del folklore /San Giovanni in Galdo -VIDEO

 Dal 22 al 24 agosto, tre giorni importanti e intensi perché sono stati celebrati i sessanta anni di storia degli Zig-Zaghini,...

CAMPOBASSO

Apicoltura/ Il miele di Nazario Fania è uno dei migliori al mondo

E' proprio il caso di dire che il duro lavoro ad un certo punto viene premiato; è il caso dell'impegno profuso da...

24ª Giornata di Raccolta del Farmaco: donate 600mila confezioni di medicinali, aiuteranno almeno 430mila...

Durante la 24ª Giornata di Raccolta del Farmaco di Banco Farmaceutico (6–12 febbraio), sono state donate quasi 600.000 confezioni di medicinali, pari...

Progetto “Ethosland” promosso dal centro commerciale “Il Centro del Molise”: messi a dimora 20...

Sono 20 i nuovi alberi messi a dimora presso l'area verde a valle del parco XXV novembre, compresa tra l'ex Romagnoli e...

ISERNIA

Lavoro/ Assunzioni al Comune di Venafro, 3 bandi di mobilità

Riparte la macchina delle assunzioni al Comune di Venafro. Entro la fine dell’anno in corso,l’Amministrazione comunale attuerà il piano delle assunzioni predisposto...

Un nuovo strumento di diagnostica avanzata PET per le malattie neurodegenerative

Una collaborazione internazionale tra l’I.R.C.C.S. Neuromed di Pozzilli (IS) e la HuazhongUniversity of Science and Technology, in Cina, ha portato allo sviluppo...

Polizia di Stato – Isernia: Si è insediato il nuovo Questore Della Cioppa

Lunedì 19 febbraio si è insediato il nuovo Questore di Isernia Davide Della Cioppa,proveniente dalla Questura di Avellino, dove dal 2021 ricopriva...

TERMOLI

Campomarino/ Rinvenuti furgone e 6 pannelli fotovoltaici rubati

I carabinieri del Reparto del Nucleo Operativo e Radiomobile di Termoli, in agro di Campomarino (CB), hanno rinvenuto un furgone risultato...

Termoli/Viola gli arresti domiciliari e passeggia ubriaco in centro, arrestato 50enne

A Termoli (CB), i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile del localeComando Compagnia hanno arrestato in flagranza di reato e deferito, rispettivamenteper...

Campomarino/Viola il divieto di avvicinamento alla ex e la aggredisce, obbligo di dimora per...

Ulteriore settimana movimentata per i Carabinieri della Compagnia di via Brasile,impegnati capillarmente sul territorio per i controlli finalizzati a garantire l’ordine e...

EDITORIALI

Campobasso/ Elezioni comunali: a sinistra il ‘gran rifiuto’

di Stefano Manocchio La politica muta e le dinamiche non sono più quelle di una volta; e ciò non...
campobasso municipio

Campobasso/ Elezioni per il sindaco: e se fosse una donna?

di Stefano Manoccchio Le gare più difficili da vincere sono quelle quando si è in largo vantaggio, perché poi...

Varie ed eventuali/ Abruzzo-Molise quattro a zero

Pietro ColagiovanniA fine anno scorso ricorreva il 60esimo anniversario dell'autonomia regionale molisana, con ilriconoscimento dello status di Regione. Prima eravamo parte della...