Truffa aggravata e sostituzione di persona : arrestata in flagranza di reato una 51enne campana

1176

Nella mattinata di ieri, a seguito di una segnalazione del titolare di una gioielleria di questo Capoluogo, la Polizia di Stato di Campobasso ha tratto in arresto, in flagranza di reato, una donna di origini campane, G.T. di anni 51, resasi responsabile di truffa aggravata, sostituzione di persona e uso di documento d’identità falso valido per l’espatrio. Nei giorni scorsi, un uomo dall’accento napoletano aveva contattato – telefonicamente – il titolare della gioielleria, fingendosi interessato all’acquisto di orologi “Omega”. La trattativa si era conclusa favorevolmente con la manifestata intenzione dell’uomo (utilizzatore di utenza telefonica riconducibile ad una società multinazionale di Milano) di acquistare n. 5 orologi per un importo complessivo di 15.850 euro. Il pagamento della merce sarebbe dovuto avvenire con assegno circolare di pari importo.
Tuttavia, il commerciante, non fidandosi dell’acquirente, richiedeva la verifica dell’assegno prima di cedere gli orologi e si accordava per un appuntamento con l’acquirente per la giornata di ieri. Alle ore 11.00, il gioielliere e una donna di origine napoletana (identificata poi per G.T.), presentatasi con l’assegno circolare, si incontravano presso la filiale di una banca sita in questa via Principe di Piemonte, ove il Direttore, al fine di avere il “bene emissione” dell’assegno, provvedeva a telefonare alla filiale di una banca di Torre del Greco (NA), recuperando il numero nell’elenco interno degli Istituti di credito diramato dall’ABI.
Convinto di parlare con detto Istituto di credito, acquisiva le necessarie informazioni e garanzie per l’effettuazione dell’operazione di versamento dell’assegno sul conto corrente del cliente gioielliere. In realtà, si appurava, solo successivamente, che la telefonata era stata deviata da terzi ignoti a un complice della donna che garantiva la banca e il suo cliente dell’operazione. Infatti, il centralino della filiale di Torre del Greco da alcuni giorni risulta avere guasti tecnici periodici. A transazione effettuata, la donna ritirava gli orologi per andare via quando veniva bloccata da uomini della Squadra Mobile per un controllo.
In sede di verifiche, emergeva che la donna era in possesso di una carta di identità valida per l’espatrio falsa, emessa a favore della presunta titolare del conto corrente della banca di Torre del Greco dal quale sarebbe stato tratto l’assegno utilizzato per il pagamento del prezzo d’acquisto degli orologi, ma il cui numero di documento è attribuito ad una carta rilasciata dal Comune di Milano ad un soggetto che ne ha dapprima denunciato lo smarrimento, poi ritrovata e restituita al suddetto Comune per la distruzione. Le immediate verifiche operate, consentivano di appurare che nessun assegno era stato emesso con quel numero ed importo dalla filiale di Torre del Greco (NA), ma si trattava di una assegno clonato, negoziato in precedenza presso altra filiale e per importo diverso.
La perquisizione effettuata dal Commissariato P.S. “Vicaria – Mercato” presso l’abitazione della donna in Napoli dava esito negativo. Si appurava, infine, che un’analoga truffa era stata effettuata con il medesimo modus operandi e con la filiale della banca di Torre del Greco ai danni di un gioielliere cliente di altra banca di Castel di Sangro (AQ).

Commenti Facebook