Senza politica si può vivere? Forse si, forse no!

191

di Massimo Dalla Torre

Abbiamo voluto aprire il nostro appuntamento quotidiano con un interrogativo che da più parti viene lanciato in accoppiato con la “provocazione” di non scrivere e tanto meno parlare di politica e di quanto accade attorno a questo mondo alquanto “bislacco”. Un mondo che, come disse Ennio Flaiano “è un bestiario dove l’incongruenza si sposa con la finzione e dove la recitazione è costante e continuativa”. Parole pesanti, ma Flaiano di cinema, teatro, recitazione e quant’altro, ne masticava a tutto tondo.

Per tornare al titolo abbiamo voluto proporlo perché riteniamo giusto che, una volta tanto, è bene lasciare da parte “gli intrighi di palazzo” e le “chiacchiere” per dare spazio a quelli che sono i veri problemi del Molise. Una terra che, a causa della troppa politica, è arrivata a spersonalizzarsi. Una terra dove pochi, anzi pochissimi possono esprimere la propria opinione, almeno che non si appartenga alla schiera degli amici, degli amici, degli amici o dei “soliti noti”. Una terra che, nel quotidiano si aggrappa, e questo è negativo, a quello che è frutto delle “menti superiori”.

Le quali, farebbero bene a non partorire certe idee che, purtroppo hanno trovato l’humus favorevole per proliferare in questo lembo di terra. Ecco perché faremo bene a occuparci di altre faccende lasciando da parte quello che attiene alla politica. Sicuramente molti di quelli che si occupano di politica, perché forse obbligati dalle circostanze, rigetteranno quanto proponiamo, anche perché se non si discute, sempre più spropositatamente, rimane ben poco di cui disquisire. Eppure, se ci decidessimo a dare un segnale forte ignorando quello che partorisce la politica potremo dare spazio alle cose serie che, in questi periodi dominati dalla pandemia sono molto più importanti.

Politica una dimensione da paragonare ai “limiti del paranormale” dove tutto può accadere e dove subito dopo quel tutto si tramuta in negazione assoluta dell’evidenza. Vedete quando ci si accinge a scrivere o parlare l’unica preoccupazione è di non tediare nessuno specialmente il lettore con le solite cose, che Guido Gozzano annovererebbe “tra quelle di pessimo gusto”; ecco perché quando qualcuno da lo spunto per qualche “riflessione” su quanto accade nei palazzi del potere, fortunatamente non a noi, il fascino del mistero ammalia, assale, non permettendo di guardare con occhi critici quello che promana dalla politica anzi dai politici.

Un fascino che molti subiscono e porta moltissime volte a parteggiare, forse con troppa enfasi, come se si stesse arringando in un’aula di tribunale a favore di chi ha scelto falsamente di essere il “paladino” della comunità molisana. La quale, dipende in tutto e per tutto dai politici che, in questo “piccolo mondo” non antico, tanto per rammentare Fogazzaro, ha trovato il cosiddetto Eden proponendo la fatidica MELA della dannazione, cui difficilmente si riesce a rinunciare, noi no, noi no, noi no!!!

Commenti Facebook