Riunione tavolo di coordinamento regionale sui flussi migratori non programmati

558

Definiti, al Tavolo di Coordinamento regionale per il monitoraggio e il coordinamento delle misure di accoglienza in favore dei cittadini stranieri richiedenti la protezione internazionale presenti in Regione, presieduto dal Prefetto Di Menna, i criteri di distribuzione dei flussi terrestri a livello regionale. Affrontato anche il tema della ricollocazione dei richiedenti asilo eritrei, siriani ed iracheni negli Stati membri della Comunità europea ed esaminate le nuove norme relative all’accoglienza dei richiedenti la protezione internazionale introdotte con decreto legislativo 142/2015, entrato in vigore lo scorso 30 settembre.
Il Prefetto di Campobasso ha poi illustrato due proposte progettuali presentate da una società convenzionata con la Prefettura di Campobasso, che hanno già ricevuto l’assenso del Ministero dell’Interno. Il primo– denominato Ulisse – prevede la dislocazione dei migranti in nuclei di sei/otto persone, in appartamenti distribuiti sul territorio comunale. Il secondo – denominato Mensa – prevede la possibilità di offrire ad un numero predefinito di cittadini italiani e stranieri, individuati d’intesa con i servizi sociali dei Comuni interessati, pranzo e cena presso le strutture di accoglienza dei migranti. I beneficiari potranno anche partecipare alle attività laboratoriali, ricreative, culturali ed educative svolte dal centro.
L’incontro si è concluso con un aggiornamento sui lavori della Sezione di Campobasso della Commissione per il riconoscimento della protezione internazionale che è passata, in pochi mesi, a 16 convocazioni giornaliere, dalle iniziali 8.
Più di 900 richiedenti sono stati già convocati e si conta di giungere entro l’anno alla definizione di tutti i procedimenti assegnati. A tutti i cittadini stranieri cui è stata concessa una misura di protezione è stato garantito, con il trasferimento nei progetti territoriali SPRAR, la prosecuzione dei percorsi di integrazione avviati nelle strutture di accoglienza temporanea.

Commenti Facebook