Pacelli direttore per il Dipartimento di Oncologia della Fondazione “Giovanni Paolo II”

5889

Il professor Fabio Pacelli  torna a dirigere  il Dipartimento di Oncologia e l’area chirurgica della Fondazione di Ricerca e Cura “Giovanni Paolo II” di Campobasso, che aveva guidato fino al 2012. Qualche settimana fa il Consiglio di Amministrazione della Fondazione di Ricerca  e Cura “Giovanni Paolo II” di Campobasso, ha nominato il Professor Fabio Pacelli, stimato chirurgo di fama internazionale,  Direttore del Dipartimento di Oncologia, ruolo che aveva già ricoperto dal 2010 al 2012.  Nato a Roma nel 1960 sposato con 3 figli, è Professore Associato di Chirurgia Generale presso l’Università Cattolica di Roma, è stato primo aiuto presso la Divisione di Chirurgia Digestiva del Policlinico “A. Gemelli” di Roma dal 1996 al 2009. E’ responsabile dell’UOS Chirurgia Oncologica D’urgenza presso il policlinico A. Gemelli di Roma.
E’ autore di oltre 200 lavori scientifici originali, la maggior parte dei quali su argomenti di chirurgia digestiva, pubblicati sulle più prestigiose riviste scientifiche della letteratura internazionale, alcuni dei quali selezionati dall’editorial board dello Year Book of Surgery, tra i migliori contributi scientifici dell’anno.
I suoi campi di maggiore interesse scientifico riguardano il Cancro Gastrico, i Tumori del Colon-Retto, i Sarcomi dei Tessuti Molli, i Tumori Stromali Gastrointestinali (GIST), le Infezioni Intra-addominali e le terapie neoadiuvanti in chirurgia oncologica quali la radiochemioterapia preoperatoria e la radioterapia intraoperatoria (IORT) nei tumori del retto e la chemioterapia ipertermica intraoperatoria (HIPEC) nei tumori gastrici e nei tumori colici.
Ha coordinato come responsabile dell’impostazione scientifica e della pubblicazione dei dati numerosi studi multicentrici, che hanno coinvolto diversi centri chirurgici italiani, su alcuni aspetti della chirurgia addominale quali l’utilità della nutrizione artificiale, l’utilizzo del sondino dopo gastrectomia totale e subtotale, il ruolo delle resezioni multiviscerali nel cancro gastrico avanzato.
E’ autore, come primo operatore, di più di 7000 interventi prevalentemente di chirurgia addominale a cielo aperto o laparoscopica e di chirurgia per patologia erniaria, tiroidea o mammaria. Ha eseguito in particolare più di 1000 colecistectomie laparoscopiche e più di 500 resezioni coliche/rettali laparoscopiche. Inoltre, in collaborazione con la Divisione di Ginecologia Oncologica diretta dal Prof. Giovanni Scambia, ha eseguito la parte digestiva di più di 100 interventi per carcinoma ovarico ed endometriosi profonda (in prevalenza peritonectomie diaframmatiche, resezioni intestinali e coliche, pelvectomie posteriori).
E’ membro ordinario attivo della International Gastric Cancer Association dalla sua fondazione nel 1997 e del G.I.R.C.G. (Gruppo Italiano di Ricerca per il Cancro Gastrico).
Il professor Pacelli, che si è formato  presso la scuola di colui che considera il suo Maestro,  il professor Francesco Crucitti, conosciuto come “il chirurgo di Papa Wojtyla”,  darà un nuovo impulso all’area chirurgica della Fondazione, sia attraverso l’apporto della sua personale esperienza, sia attraverso una collaborazione con il Policlinico “Gemelli” di Roma, in particolare nel campo della chirurgia toracica, della chirurgia endocrino metabolica e della chirurgia epatica.
Il programma è quello di trattare, attraverso tecniche chirurgiche innovative, alcune patologie di difficile approccio chirurgico quali le neoplasie surrenali ed epatiche, le toraco-polmonari che, come sappiamo, sono ad elevato impatto epidemiologico.
Si conferma il particolare interesse del Dipartimento verso la patologia senologica; sarà rivolta particolare attenzione alla terapia neoadiuvante preoperatoria per le forme avanzate di tumore al seno; alla chirurgia cosmetica (conservativa-ricostruttiva); alla chirurgia radioimmunoguidata per la ricerca del linfonodo sentinella; alla tipizzazione biologica delle neoplasie per terapie mirate e alla radioterapia adiuvante dopo terapia conservativa.
Afferiscono al Dipartimento di Oncologia anche l’Unità Operativa Complessa di Radioterapia, che verrà guidata dal professor Vincenzo Valentini, professore Ordinario di Radioterapia presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore e Direttore dell’Unità Operativa Complessa di Radioterapia del Policlinico “Gemelli” di Roma. Mentre al dottor Fabio Rotondi è stata affidata la Direzione dell’Unità Operativa complessa di Chirurgia Generale ed Oncologica.

Commenti Facebook