Lite familiare: arrestate tre persone e denunciato un minorenne

754

Nel primo pomeriggio del 29 settembre, i militari dell’Aliquota Radiomobile della locale Compagnia Carabinieri, inviati dalla Centrale Operativa, presso la Contrada Fontana Vecchia in Campobasso, per interrompere un animato dissidio familiare, sono stati aggrediti da quattro uomini fra i quali anche un minorenne.Il C.G., che stava discutendo in strada con la propria figlia, alla vista dei militari si scagliava contro uno di loro aggredendolo fisicamente e verbalmente con minacce gravi. Nel tentativo di bloccarlo, gli operanti venivano aggrediti anche dagli altri due figli, C.D. ed un minorenne, i quali cercavano con la forza di liberare il padre.
Tramite Centrale Operativa, veniva inviata immediatamente in ausilio la pattuglia della locale Stazione Carabinieri, ma nel mentre i militari cercavano di sedare gli animi e bloccare le violenze dei tre individui, si aggiungeva un altro uomo M.A. il quale, per impedirne l’arresto, colpivail viso di un militare liberando uno dei fermati.
Nel frattempo, una folla di persone dimoranti nelle abitazioni vicine, si era radunata attorno ai militari accerchiandoli ed onde evitare che la situazione degenerasse venivano inviate altre pattuglie dei Carabinieri, della Polizia di Stato e della Guardia di Finanza presenti sul territorio, alla vista delle quali, sopraggiunte a sirene spiegate, la folla si disperdeva.
I quattro uomini, sono stati condotti presso gli Uffici della locale Compagnia Carabinieri dove i tre maggiorenni (C.G., C.D. e M.A.), tutti gravati da numerosi precedenti di polizia, sono stati tratti in arresto e successivamente sottoposti agli arresti domiciliari a disposizione dell’A.G., per il giudizio di convalida dell’arresto che si terrà nella mattinata di giovedì p.v.; mentre il minorenne è stato denunciato a p.l. alla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni.
Due militari, successivamente visitati dai medici del Pronto Soccorso del Presidio Ospedaliero A. Cardarelli, riportavano lesioni ed escoriazioni multiple.

Commenti Facebook