Il Comune di Campobasso indice il Premio di Storia Moderna e Contemporanea “Renato Lalli” 2013

662

L’iniziativa si propone un duplice obiettivo. Rendere omaggio a uno storico e studioso che si è distinto nel preservare nella memoria collettiva il percorso socio-politico del territorio, riuscendo a indagare e interpretare in forma originale aspetti peculiari del Molise, a dare risalto e respiro a figure significative del panorama locale. Il secondo fine è teso a dare una appropriata visibilità a lavori di pregio e di indubbia qualità che trattino con rigore scientifico temi in linea all’intitolazione e che riguardino il Molise.

In occasione del cinquantesimo anniversario della nascita della Regione – che costituisce indubbiamente il momento più opportuno per tale progetto – e in un momento di diffusa crisi economica, si è inteso proporre un’ambiziosa iniziativa culturale nella certezza che essa rappresenti il più efficace strumento per ripensare la Regione, osservarne l’entusiasmante percorso storico, comprenderne le particolarità politiche ed economiche. Al contempo, si ritiene che tale proposta costituisca il veicolo più appropriato per favorire una conoscenza più puntuale e compiuta del Molise e dei suoi protagonisti anche ai più giovani.
A tale scopo, i concorrenti e i componimenti dovranno rispettare le seguenti condizioni:

Art. 1
I partecipanti devono avere almeno 18 anni di età.
Fatto salvo il limite minimo di età al punto precedente, non vi sono restrizioni di nazionalità, sesso, religione.
Non è previsto il pagamento di alcuna quota di iscrizione.

Art. 2
I componimenti devono avere a oggetto la storia del Molise.

Art. 3
I lavori dovranno essere monografie o saggi scientifici elaborati sulla base di fonti archivistiche, giornalistiche e bibliografiche documentate. Sarà altresì apprezzata la presenza di memorialistica o di interviste, quantunque la loro assenza non costituisca elemento ostativo alla presentazione dei componimenti.

Art. 4
I lavori già pubblicati (monografie, saggi in volumi collettivi) non dovranno essere antecedenti al 2011. È consentita la partecipazione di nuove edizioni aggiornate di pubblicazioni precedenti (che non siano risultate vincitrici di concorsi), purché la nuova edizione sia comunque non antecedente al 2011.
Il saggio presente in libri collettivi può essere presentato dal singolo autore.

Art. 5
È consentita la partecipazione con un unico componimento, sia che si tratti di una monografia, sia di un saggio breve.

Art. 6
La partecipazione è consentita a tesi di laurea, tesi dottorali, purché rispettino i criteri di scientificità precedentemente evidenziati. Tali inediti non dovranno essere antecedenti al 2005. Possono essere presentati anche lavori autonomi (componimenti non pubblicati o che non siano tesi). In tal caso non è fissata alcuna data.
I lavori non pubblicati devono essere dattiloscritti.

Art. 7
Non è consentita la partecipazione con opere già premiate o pubblicate con il contributo di Enti pubblici.

Art. 8
Sia le opere già pubblicate che gli inediti dovranno essere inviati in formato Pdf in allegato alla domanda di partecipazione al seguente indirizzo e-mail:______________________ indicando nell’oggetto: “Premio Renato Lalli 2013”.
Il termine ultimo per la presentazione delle domande è fissato improrogabilmente al 23 settembre  2013.
Nella domanda dovranno essere indicate le generalità del concorrente (nome, cognome, dati anagrafici), codice fiscale, domicilio, secondo il modulo d’iscrizione allegato, o scaricabile dal sito:____________________

Art. 9
La commissione giudicatrice sarà composta da tre membri con certificata preparazione scientifica in Storia Moderna o Contemporanea che abbiano pubblicato almeno una monografia o un saggio in libri collettivi.
I componenti la commissione saranno resi noti solo dopo che sarà espletata la procedura di valutazione.
Nella valutazione saranno presi in considerazione l’originalità di interpretazione, le fonti, la scientificità, la presenza di memorialistica o di interviste, l’esposizione.
La commissione e l’Ente proponente il Premio declinano ogni responsabilità per opere che, a loro insaputa, fossero state già premiate in altri concorsi o che risultassero dei plagi, anche se ravvisati successivamente. La commissione ha la facoltà di estromettere dal Premio qualsiasi componimento qualora lo ritenesse opportuno o necessario, adducendo adeguata motivazione.

Art. 10
L’espletamento della procedura di valutazione avrà termine improrogabilmente entro il 27 settembre 2013. Tale termine sarà riportato sulla certificazione (o titolo) – che sarà a rilasciato dall’Ente proponente a partire dal 30 settembre 2013 – e rappresenterà la data in cui è stato conseguito il Premio. Quest’ultimo sarà consegnato successivamente nel corso della premiazione.
La premiazione si terrà presso il palazzo di Città.I premi saranno assegnati a insindacabile giudizio della commissione. Saranno premiati i componimenti risultati primo e secondo.200 euro per il primo classificato.
100 euro per il secondo classificato.I primi due classificati riceveranno una certificazione che attesti il conseguimento del Premio. A ogni concorrente sarà rilasciato un attestato di partecipazione.
Non saranno assegnati premi ex-aequo. I premi non ritirati dai vincitori non saranno assegnati e resteranno a disposizione dell’organizzatore.

Commenti Facebook