I movimenti tellurici nella sanità danneggiano il Molise

156

di Massimo Dalla Torre
Consentiteci di dire la nostra su quanto sta accadendo nei palazzi della politica molisana
che deve dipanare troppe querelle sulla sanità. La quale, è scossa da movimenti tellurici,
che causano ondeggiamenti vistosi nonostante gli “ingegneri”, non ce ne voglia la
categoria, assicurano che sono scosse di lieve entità che non lasciano il segno.

Movimenti
tellurici che, se non dovessero placarsi, ci auguriamo di sì per il bene dei pazienti del
Molise, causerebbero ancora più disorientamento e sconcerto.

Assistere a “baruffe
chiozzotte” simili come le definirebbe Carlo Goldoni, anzi a “Tarantelle” siamo più terra
terra, pone una serie di domande, cui si deve, ripetiamo si deve, dare risposte certe, che
indicano una volta per tutte la strada da seguire se si vuole salvare quel poco che ancora
è in piedi. Risposte che urgono, perché al punto in cui siamo, cioè al limite del non ritorno, le chiacchiere che, un detto popolare dice che “se le porta il vento” non servono più.


Abbiamo voluto scrivere queste cose, perché da quando è scoppiato il caso, leggasi
divieto di accesso con le telecamere della sette all’ospedale Cardarelli di Campobasso,
per effettuare interviste da inserire nel programma domenicale condotto da Massimo
Giletti, da più parti riecheggia il fil-rouge che caratterizza i “canti Carnascialeschi” del
Magnifico “del diman non c’è certezza”. Cosa assolutamente non accettabile. Ecco il
perché il titolo che, evidenzia, che si sono persi gli obiettivi da perseguire, che possono


portare il tanto atteso cambiamento ma soprattutto benefici al sistema. Un cambiamento
che mandi definitivamente in pensione l’obsoleto modo di fare politica che nasconde la
verità. La quale, deve mirare al massimo, per ottenere il risultato che dia l’ossigeno
necessario al rilancio di una branca vitale per il Molise.

Un rilancio in cui i sotterfugi, gli
accordi laterali, gli sgambetti, il voltagabannismo, siano banditi, ma soprattutto abolisca il
decisionismo unilaterale che in Molise vede mettere in atto esageratamente decisioni
distorte e poco consone alle esigenze dei molisani.

Commenti Facebook