Comune di Campobasso: procedura di mobilità volontaria esterna per la copertura di 1 posto di Dirigente

336

Il Comune di Campobasso indice una procedura di mobilità volontaria esterna, ai sensi dell’art. 30 comma 2 bis, del D.L.vo n. 165/2001, per la copertura a tempo indeterminato di n. 1 posto di Dirigente.

La procedura relativa all’avviso di mobilità esterna è in ogni caso subordinata all’esito negativo della procedura di mobilità ex art. 34 bis del D.L.vo n. 165/2001, contestualmente avviata.

Infatti, ove le amministrazioni competenti entro il termine previsto provvedessero all’assegnazione del personale in disponibilità per il posto di cui al presente avviso pubblico, questo Ente non darà corso alla procedura di mobilità volontaria ed i candidati non potranno avanzare alcun genere di pretesa in tal senso.

Alla procedura di mobilità possono partecipare unicamente coloro che, alla data di scadenza del presente avviso, sono in possesso dei seguenti requisiti:

a) essere in servizio con rapporto di lavoro a tempo pieno ed indeterminato presso le Amministrazioni pubbliche di cui all’art. 1, comma 2, del D.L.vo n. 165/2001, con inquadramento nella qualifica di Dirigente del comparto Regioni ed Autonomie Locali, con superamento del periodo di prova e con competenza nel settore della programmazione e pianificazione urbanistica o nel settore dei lavori pubblici o nel settore della progettazione e gestione di opere pubbliche e private;

b) Diploma di Laurea vecchio ordinamento (DL) in Architettura o in Ingegneria Civile o titolo di studio equipollente oppure Laurea Specialistica (LS – DM 509/99) o Laurea Magistrale (LM – DM 270/04), equivalente ai sensi del Decreto Interministeriale 9 luglio 2009;

c) abilitazione all’esercizio della professione di architetto o di ingegnere;

d) non avere riportato condanne penali e non avere procedimenti penali in corso per reati che impediscano la prosecuzione del rapporto di impiego con la Pubblica Amministrazione;

e) non avere riportato condanne penali, anche con sentenza non passata in giudicato, per i reati previsti nel Capo I del Titolo II del Libro II del Codice Penale, ai sensi dell’art. 35 bis D.Lgs, n. 165/2001;

f) non avere in corso procedimenti disciplinari e non aver riportato sanzioni disciplinari negli ultimi due anni precedenti alla data di scadenza del presente avviso;

g) essere in possesso di nulla osta al trasferimento rilasciato dall’Amministrazione di appartenenza (da allegarsi alla domanda, a pena di esclusione).

Tutti i requisiti di ammissione devono essere posseduti, a pena di esclusione, alla data di scadenza del termine stabilito dal presente avviso di selezione.

L’Amministrazione comunale può disporre in qualsiasi momento, con provvedimento motivato, l’esclusione dalla selezione per difetto dei requisiti richiesti.

La selezione avviene sulla base di un colloquio, del curriculum formativo-professionale presentato con la domanda di partecipazione, nonché delle motivazioni al trasferimento.

La Commissione ha a disposizione, per la valutazione dei candidati, i seguenti punti (max 50) attribuibili nel modo illustrato nel presente comma:

A) Curriculum formativo-professionale max punti 20

B) Motivazione al trasferimento max punti 5

C) Colloquio max punti 2.

La domanda di ammissione alla procedura di mobilità, redatta in carta semplice, utilizzando l’allegato modulo, corredato da curriculum formativo-professionale, autocertificazione dei titoli dei quali si chiede la valutazione e fotocopia del documento di identità in corso di validità, dovrà pervenire a pena di esclusione entro il termine perentorio di giorni 30 dalla data successiva a quella di pubblicazione dell’avviso pubblico sulla Gazzetta Ufficiale IV Serie Speciale Concorsi ed Esami, alternativamente tramite:

a) Posta Elettronica Certificata (PEC) – esclusivamente all’indirizzo:

[email protected], purché l’autore sia identificato ai sensi dell’art. 65 D.Lgs. n. 82/2005 (Codice dell’Amministrazione digitale), avendo cura di indicare nell’oggetto “CONTIENE DOMANDA DI MOBILITA’ PER N. 1 POSTO DI DIRIGENTE e di inviare tutta la documentazione richiesta in formato .pdf.

L’Amministrazione, qualora l’istanza di ammissione alla mobilità sia pervenuta tramite PEC è autorizzata ad utilizzare, per ogni comunicazione, il medesimo mezzo con piena efficacia e garanzia di conoscibilità degli atti trasmessi da parte dell’istante (candidato);

b) raccomandata A.R. indirizzata al Comune di Campobasso – Servizio Protocollo Generale – Piazza Vittorio Emanuele n. 29 CAP 86100. La busta contenente la domanda di ammissione alla mobilità deve riportare sulla facciata in cui è scritto l’indirizzo l’indicazione “CONTIENE DOMANDA DI MOBILITA’ PER N. 1 POSTO DI DIRIGENTE”.

Non saranno prese in considerazione le domande pervenute oltre il termine stabilito, anche se spedite entro lo stesso termine.

L’Amministrazione non assume responsabilità per la dispersione di comunicazioni dipendente da inesatte indicazioni del recapito da parte del concorrente oppure da mancata o tardiva comunicazione del cambiamento dell’indirizzo indicato nella domanda, né per eventuali disguidi postali o telegrafici o comunque imputabili a fatto di terzi, a caso fortuito o forza maggiore.

Nel caso in cui il termine ultimo cada in un giorno festivo o di chiusura per qualsiasi ragione degli Uffici riceventi, il termine stesso deve intendersi prorogato alla successiva prima giornata lavorativa.

Il bando è scaricabile con la relativa domanda al seguente link

Commenti Facebook