Arte e Musica nei quartieri di Termoli al via la rassegna QArt

1125

La rassegna ‘QArt’ è un ciclo di eventi ideati e realizzati dall’Amministrazione comunale per valorizzare i quartieri della periferia di Termoli. Si inizia il 10 agosto con ‘Block Party’ Hip Hop Music and Dance in the City, Lungomare
Nord – ore 18,00.
L’11 agosto nella piazzetta antistante le case IACP di via Arno si terrà lo spettacolo teatrale
‘Terra Nostra. La storia del sud’ alle 21,30, un mix tra teatro narrazione e danza tradizionale.
Il 12 agosto all’Arena di Difesa Grande ci sarà il concerto di ‘Donato Santoianni e l’Insolito Quintet’ dalle 21,30 in poi.
Il 13 agosto spettacolo teatrale di Dario Fo e Franca Rame all’arena di Difesa Grande ‘Coppia Aperta, quasi spalancata’ alle 21,30.
Il 16 agosto altro spettacolo teatrale alla piazzetta delle case IACP di via Arno ‘Il funerale della zia Concettina’ alle 21,30 a cura dell’Associazione BaBi.
Il 17 agosto spettacolo del comico ‘Nduccio al piazzale della chiesa Santa Maria degli Angeli a Difesa Grande.
Il 18 concerto ‘Napulammore’ nella piazzetta delle Case IACP di via Arno alle ore 22,00.
“E’ la prima Amministrazione che fa un cartellone specifico per le periferie – ha spiegato il
delegato alla Cultura Michele Macchiagodena. – Il nome della rassegna è l’unione di due
parole: Quarteri e Arte” Presenti alla conferenza stampa gli autori del Block Party che hanno spiegato che la tipologia Block Party nasce dalla cultura suburbana dell’hip hop dei dj nomadi che si spostavano facendo feste nei quartieri. “Abbiamo scelto il mare e in particolare il lungomare nord per valorizzare un luogo della città che potrebbe ospitare molti più eventi – ha detto Hiko Kasio Jr – faremo musica hip hop, funky e reggae con i dj Kaya Moves, Hiko Casio jr e Johnny Jay. Inizieremo alle 17,30 nell’area vicino al lido La Vela e andremo avanti fino alla mezzanotte”. “QArt è un’iniziativa molto importante – ha detto l’assessore alla Pianificazione e Gestione del Territorio Giuseppe Gallo presente alla conferenza stampa – fin dalla campagna elettorale avevamo detto che qualora avessimo vinto le elezioni avremmo rinforzato il rapporto con i quartieri delle periferie che per tanto tempo sono rimasti un’entità a parte. É un passo verso la riqualificazione urbana che non si fa solo costruendo palazzi ma portando anche cultura ed iniziative nei quartieri. Più che consumare territorio dobbiamo riqualificare il territorio già esistente.

Commenti Facebook