Domenica lo start alla 40^ Su & Giù

708

Su e giùpremSale l’attesa per l’evento podistico più importante dell’anno. Sabato 26 c’è stata la presentazione e le premiazioni di rito

Domenica alle 10.00 ci sarà lo start alla 40^ edizione della Su & Giù e in città, ma anche in regione, sale l’attesa per l’appuntamento podistico più atteso dell’anno. Intanto sabato 26 c’è stata, presso la ex Gil di Campobasso la presentazione della manifestazione, seguita dalle premiazioni di rito. Riportiamo di seguito un articolo sull’evento pubblicato sul sito www.gsvirtus.com, in attesa della gara di domenica.

“Che bravi questi nostri ragazzi! Il tempo di smorzare le luci, chiudere il sipario e via, tutti (o quasi) all’opera. Il teatro del Palazzo della Cultura, messo a disposizione dalla Regione Molise per la Presentazione della 40^ edizione della Su e Giù e per le premiazioni dell’annata agonistica 2013, doveva riappropriarsi della sua veste austera: bisognava svestirlo dei manifesti, degli addobbi e dei documenti storici che avevano raccontato i quarant’anni della più popolare delle manifestazioni podistiche di Campobasso e del Molise.
La festa, la presentazione ed il convegno, in un tutt’uno, presentavano, quest’anno, sostanziali novità. La prima, e forse la più evidente, è stata l’assenza sul palco dei protagonisti storici delle precedenti edizioni; la scenografia innovativa e la conduzione giovanile e brillante di Serena e Francesco; l’intervento di ospiti veneti; l’intrattenimento musicale dal vivo della vocalista Michela Lombardi e del pianista Riccardo Fassi; l’esposizione del bozzetto della mascotte della 40^ Su e Giù; la partecipazione dei sindaci che hanno dato il via a tutte le passate edizioni della gara; il taglio della torta e lo stappo beneaugurante della bottiglia di spumante.
Che bravi questi nostri ragazzi! Bisognava dare ritmo all’accavallarsi dei vari momenti. Filmati, premiazioni, brani musicali ed interventi di autorità sportive e politiche si sono susseguiti con cadenze sempre più imprevedibili calamitando l’attenzione degli oltre trecento ospiti per coinvolgerli in un vortice di emozioni crescenti.
Alle toccanti immagini in bianco e nero, dove più di qualcuno si è riconosciuto sbarbatello, in una città percorsa da “Fiat 500”, “Topolino” e “Prince” e dove modelli e varietà di tute scarseggiavano, hanno fatto seguito repertori sempre più differiti di colori e forme; alla presentazione della medaglia della 40^ Su e Giù, ideata dal maestro Domenico Fratianni, quella del disegno della mascotte realizzato dallo studente Francesco Benvenuto della scuola media “Colozza” di Campobasso; alla premiazione degli atleti delle categorie giovanili, quella delle categorie Assolute.
L’intervento di Francesco, poi, sul tema portante dell’edizione 2013, “Sport libera tutti”, ha suscitato intense emozioni. Ha raccontato della prigionia del nonno in Sudafrica e delle condizioni in cui versano tutt’oggi i detenuti, dell’isolamento dei disabili e dell’emarginazione degli extracomunitari. Ha riportato testimonianze di cronaca e di storia. Ha trattato della funzione terapeutica dello sport. Argomentazioni di forte interesse che non hanno danno spazio al sorriso, ma a questo ci ha pensato Serena che con spigliatezza e naturalezza ha mitigato la commozione e ricreato l’atmosfera festosa della cerimonia.
Che bravi questi nostri ragazzi! Ancora premiazioni. Anticipate dalla proiezione di suggestive immagini sono stati proclamati l’“Atleta esemplare”, l’”Operatore sportivo” e lo “Sportivo dell’anno”. Premi assegnati, nell’ordine al mezzofondista Giuseppe Di Paola, al giornalista Mimmo di Iorio e, alla memoria, al sacerdote Luigi Zorzan, già dirigente ed animatore della Virtus.
Sull’impronta di Nicola, una cerimonia che ha sorpreso ed entusiasmato. Un evento memorabile per chi vi ha preso parte e che annuncia una quarantesima edizione strabiliante. Una Su e Giù che, ancora una volta, si celebrerà sulla scia tracciata dal gabbiano.

Commenti Facebook