Lello Giulivo al Dopolavoro Ferroviario presenta “Sotto un cielo di stelle”

384

Nell’ambito della V Rassegna Nazionale de “Il Teatro e la Musica dei DLF”, con la direzione artistica del Maestro Gianni Lamagna, secondo appuntamento di “Incontriamoci a Napoli” riservato alla canzone Napoletana interpretata da grandi artisti.
Dopo il sold out con Anna Spagnuolo è la volta di un altro grande artista, Lello Giulivo, che Domenica 19 alle ore 18 alla Sala Teatro del Dopolavoro Ferroviario , accompagnato al pianoforte dal Maestro Ciro Cascino presenterà il concerto “Sotto un cielo di stelle”. La Rassegna proseguirà il 16 Febbraio con Patrizia Spinosi e si concluderà il 22 Marzo con lo stesso Gianni Lamagna.

“Sotto un cielo di stelle” è un concerto in forma di contenitore, forma di spettacolo già ampiamente da me collaudata, un breve ma significativo viaggio che affronta tematiche inerenti le tradizioni e la storia della musica popolare a Napoli, argomento che da sempre costituisce per me motivo di studio ed impegno professionale.
Tragitti musicali da percorrere o da riattraversare ancora una volta. Strade già battute ma delle quali abbiamo conservato in fondo alla memoria solo una piccola parte di colori, odori e sensazioni, tanto da indurci a rivisitarle per arricchire la nostra conoscenza ed esperienza.
Un concerto, come la gran parte dei miei, che comprende quell’aspetto interpretativo che è parte di me da sempre. I brani sono la risultante di esperienze già vissute e tante ancora da vivere ma che fanno parte sicuramente del mio background musicale e teatrale.
Per l’occasione il progetto musicale è affidato alla cura del M° Ciro Cascino, arrangiatore e compositore col quale ho condiviso numerosi progetti.

Lello Giulivo
Nasce a Napoli nel 1957, artista poliedrico (cantante, attore e mimo) muove i primi passi nel mondo dello spettacolo a diciassette anni, esordisce come cantante folk e partecipa, due anni dopo, al recital e al disco di Massimo Ranieri “Macchie ’e culore” per la regia teatrale e televisiva di Mauro Bolognini. Sono gli anni d’oro della N.C.C.P. (Nuova Compagnia di Canto Popolare) diretta dal M° Roberto De Simone e della quale farà parte negli anni successivi fino al 1994. Nel ’79 è diretto dal M° Roberto De Simone in “Festa di Piedigrotta” di Raffaele Viviani, nei successivi anni è fra i protagonisti di quasi tutte le produzioni teatrali e musicali realizzate e dirette dal M° De Simone fino a metà degli anni ’90 (La gatta Cenerentola, L’Opera Buffa del Giovedì Santo, Il bazzariota, Agamennone, Dedicato a Maria, Carmina Vivianea, Messa di requiem per Pasolini, Il canto de li cunte, I canti e i suoni del nanianà ecc..). Nel ’91 è protagonista in “Novecento Napoletano” con Marisa Laurito, nel ’96 in “Masaniello” diretto da Armando Pugliese, seguono “Uomo e galantuomo” di Eduardo con Luca De Filippo ed ”Amore di tango”(2004) di cui è ideatore e protagonista, diretto da Lindsay Kemp. Numerose sono le collaborazioni discografiche da solista e da special guest a cui ha preso parte, inoltre è fra gli interpreti: della colonna sonora del film “Fontamara”di Ignazio Silone per la regia di Carlo Lizzani, con la N.C.C.P. su musiche del M° Antonio Sinagra è interprete della colonna sonora del film “Sabato, domenica e lunedì” di Eduardo per la regia di Lina Wertmuller, il CD “Penziere mieje” poesie di Eduardo musicate dal M° Antonio Sinagra, “’A città ’e Pullicenella” nella formazione Gruppo Aperto diretta dal M° Claudio Mattone e ancora il suo progetto “Napolettango” con musiche ed arrangiamenti di Federico Odling ecc… Diverse anche le sue esperienze cinematografiche: “Pacco, doppio pacco e contropaccotto” di Nanni Loi, “Mare Largo” di Ferdinado Vicentini Orgnani, “I vesuviani” con Pappi Corsicato, “Appassionate” di Tonino De Bernardi, “Incantesimo napoletano” di Luca Miniero e Paolo Genovesi, “The Sopranos” col regista Tim Van Patten e ancora “La passione di Cristo” diretto da Mel Gibson e “Luisa Sanfelice” regia di Paolo e Vittorio Taviani.

Commenti Facebook