Vertenza Korai, Guarracino: pretendiamo risposte

535

IMG 4145È ormai da qualche mese che la questione che interessa i dodici dipendenti del Korai sale alla ribalta per le grandi contraddizioni che presenta.
Un breve riassunto.
Il Consorzio Korai, dopo esser nato e rimasto sotto “l’egida” dell’Ept come azienda partecipata, da otto mesi è divenuto totalmente in-House nella Regione Molise, al pari di altre realtà come FinMolise, ad esempio.
Ma nonostante tale importante passaggio statutario, nulla è cambiato per i dipendenti, tutti assunti a tempo indeterminato e che non percepiscono lo stipendio da 4 anni e 2 mesi.

Il rappresentante sindacale dei lavoratori, Pasquale Guarracino, ha stamane rivolto, attraverso la stampa, un ulteriore appello alle istituzioni, di tutte le aree politiche, considerato che i rappresentati che siedono in Consiglio Regionale, sono perfettamente al corrente della vicenda.
Vicenda che presenta delle forti anomalie, come la difficoltà di accedere ai bilanci degli ultimi anni, cosa che per un ente pubblico dovrebbe essere piuttosto essenziale, oltre che obbligatoria.
IMG 4143Comunque, nella circostanza odierna, il sindacalista della Uil ha affermato che “Ci si aspettava un cambio di passo con il rinnovo alla guida del Governo regionale, ma nonostante i diversi incontri avvenuti con i Presidenti Frattura e Niro, l’Assessore Pietraroia ed altri membri dell’Assise, alle tante promesse non sono seguiti i fatti.
Vogliamo capire cosa si vuol fare nei confronti di lavoratori specializzati e che attendono risposte concrete sul loro futuro.
Bisogna ricordare, infatti, che i dipendenti Korai sono gli unici lavoratori in seno alla Regione con competenze specifiche su turismo ed ambiente, quindi le commesse dell’Ente su tali ambiti dovrebbero ricadere naturalmente su di loro.
Invece, sembra che non si operi in tale direzione. Vediamo se in futuro la Regione affiderà le proprie commissioni a loro, anziché rivolgersi a società ed enti esterni, che chiedono lauti compensi.
Altro aspetto da puntualizzare, ha proseguito Guarracino, è che tutte le vertenze devono ricevere la stessa considerazione e la stessa importanza.
Non si può fare questione di numeri, dando la priorità a casi dove sul tavolo troviamo un numero di lavoratori più alto.
Ogni dipendente ha pari dignità e bisogna profondere lo stesso impegno per tutti, cercando soluzioni eque e circostanziate.
In campagna elettorale, ha concluso Guarracino, si è parlato tanto di trasparenza e di soluzioni ai problemi legati al lavoro.
Purtroppo, ad oggi, non possiamo ritenerci soddisfatti sulla questione Korai, in quanto, ancora attendiamo l’ufficialità dell’accoglimento della cassa integrazione per i dipendenti.
Auspichiamo comunque, che a breve otterremo risposte soddisfacenti, altrimenti ci vedremo costretti a porre in essere forme di protesta forti e plateali.”

Commenti Facebook