Termoli, scontri fuori dallo stadio, inflitti 9 Divieti di Accesso ai luoghi ove si svolgono manifestazioni sportive

597

carabinieri2Disposti con provvedimento del Questore di Campobasso n. 9 DASPO (Divieto di Accesso ai luoghi ove si svolgono manifestazioni sportive) a carico di altrettanti tifosi termolesi resisi responsabili degli incidenti verificatisi all’esterno dello Stadio Cannarsa di Termoli al termine della prima partita  di campionato.  Tutti i responsabili  dei tafferugli   sono stati compiutamente  identificati dal personale del Commissariato di PS di Termoli, avvalendosi anche  dei filmati realizzati in  quella circostanza dalla polizia scientifica. I fatti si riferiscono agli scontri  tra le opposte tifoserie venute in contatto al termine della partita “ Termoli/ Maceratese” disputatasi lo scorso 31 agosto, allorché un gruppo di tifosi termolesi, forzando i presidi delle forze dell’ ordine, si erano portati in prossimità del settore dei tifosi ospiti ormai pronti a ripartire dando luogo a lancio di sassi  arrivando poi anche  allo scontro fisico .

Il provvedimento , della durata di due anni, ha raggiunto 9 tifosi  termolesi , e  impone il divieto di accesso a tutte le manifestazioni sportive, sia quelle  valevoli per il campionato di calcio  sia di tutte le altre , oltre al divieto di sostare  nei luoghi  circostanti  gli impianti sportivi e nelle aree di  transito  di coloro che partecipano o assistono alle manifestazioni sportive. Per quattro tifosi  il divieto è stato previsto nella forma più grave ed afflittiva , ovvero prevedendo la prescrizione di presentarsi presso il Commissariato di Termoli in corrispondenza degli orari in cui si svolgono le partite di campionato del Termoli calcio.  Tutti i  tifosi interessati dal DASPO sono stati altresì  deferiti all’Autorità giudiziaria per i reati di resistenza a pubblico ufficiale aggravata, per uno  di loro si procede  anche per le  lesioni  procurate in danno di due operatori delle forze di polizia impegnate  quel giorno in servizio di ordine pubblico.

Commenti Facebook