Suono Bianco, l’arte casearia diventa musica elettronica

754

Oggi, 28 aprile 2016, all’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo (CN), il Caseificio Di Nucci di Agnone (IS) presenta con gli artisti Roberto Doati e Maurizio Goina un raffinato progetto audio-visivo, combinazione inedita di suoni, “rumori” e immagini della produzione casearia. Può l’arte casearia diventare musica? E può la lavorazione del formaggio essere concepita come un’opera d’arte? La risposta è in un raffinato ed innovativo progetto di musica elettroacustica, ideato dagli artisti Roberto Doati e Maurizio Goina con il Caseificio Di Nucci di Agnone (IS), che giovedì 28 aprile 2016, sarà presentato in anteprima nell’aula magna dell’UniSG – Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo (CN), nell’ambito del Master Food and Communication.
Il progetto nasce dall’incontro tra gli artisti, il titolare del Caseificio molisano Franco Di Nucci e sua figlia Serena, con l’obiettivo di esplorare il mondo della lavorazione artigianale del latte – che nel Caseificio Di Nucci viene portata avanti da 11 generazioni – attraverso linguaggi inediti. È stato così plasmato il video musicale “Suono Bianco”: esperimento originale di musica elettronica prodotto con i suoni naturali e i “rumori” che dominano i pascoli di bestiame sulle montagne dell’Alto Molise, la lavorazione del formaggio nel laboratorio caseario del Caseificio Di Nucci, la filatura della pasta, i vapori, i gesti quotidiani che ci sono dietro alla creazione di un Caciocavallo, della Stracciata, ricotte e scamorze, a cui ancora oggi si dà forma con le mani, attraverso un sapere tramandato dagli antichi antenati. La pasta che dà vita ai formaggi diventa materia prima di sculture. E da quest’arte nascono i suoni, combinati con maestria dagli artisti, fino all’opera finale. Il video musicale “Suono Bianco” è una drammaturgia in cui i suoni si mescolano con le immagini in un percorso artistico ed emozionale unico nel suo genere. È suddiviso in 5 momenti, definiti come “ambienti musicali”, statici e ritmici in alternanza: il momento musicalmente statico del pascolo, quello dinamico della produzione, poi ancora quello statico dei liquidi e delle forme, passando alla tensione produttiva di una parte girata con GoPro, fino ad arrivare alla calma della stagionatura e della masticazione. I 5 “ambienti musicali” sono rappresentati dalla metafora della forma di un caciocavallo, con all’interno 5 spazi sonori diversi, in cui è indicata intensità, altezza e timbro.
A presentare “Suono Bianco”, oggi 28 aprile 2016 alle 17.00, nell’aula magna dell’UniSG – Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo (CN), ci sarà il professore di estetica del gusto dell’UniSG Nicola Perullo, Antonella Campanini, storica dell’alimentazione dell’UniSG, Serena Di Nucci, titolare del Caseificio Di Nucci di Agnone (IS), Roberto Doati, compositore ed esperto di nuove tecnologie, responsabile del dipartimento di musica elettronica del Conservatorio di musica “Niccolò Paganini” di Genova, Maurizio Goina, ricercatore e compositore audio-visivo del Sound and music computing team del KTH Royal Institute of Technology di Stoccolma.
Il video musicale “Suono Bianco” sarà poi parte di un’istallazione nel Museo aziendale del Caseificio Di Nucci di Agnone, in modo che sia fruibile a tutti e possa essere motivo di attrazione per la visita in Alto Molise da parte di turisti ed estimatori del mondo caseario provenienti da tutta Italia.

Commenti Facebook