Molise di Tutti: la consulta regionale approva il calendario venatorio

1163

Si è riunita lunedì 2 maggio la Consulta regionale per la caccia presieduta dal  Consigliere delegato e capogruppo del “Molise Di Tutti” Cristiano Di Pietro, alla presenza della struttura e delle parti interessate. Dopo un intenso e lungo confronto concluso con la Consulta,  si è arrivati alla stesura di un calendario venatorio degno di questo nome e soprattutto nel segno del rispetto delle normative. Un risultato importante che la Nostra Regione attende da decenni e che finalmente restituisce dignità a questo settore, con un calendario che, nello specifico, prevede l’apertura della caccia dal 1 settembre al 31 gennaio e l’addestramento cani dal 15 agosto. Previste al contempo pre-aperture per varie specie sempre secondo quanto stabilito dalle normative vigenti.
“In attesa dell’approvazione definitiva della Giunta, previo parere dell’Ispra, l’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, il documento approvato oggi ha solide basi legislative e giuridiche e di questo ottimo risultato devo ringraziare la struttura regionale e le associazioni di categoria per la fattiva e costruttiva collaborazione” il commento del Consigliere delegato Cristiano Di Pietro.  “Il prossimo step sarà quello di avviare entro l’estate il Piano faunistico venatorio regionale per la sua definitiva approvazione e, guardando al futuro, conclude Di Pietro, stiamo studiando l’organizzazione dei corsi da selecacciatore per permettere il prolungamento della caccia al cinghiale contenendo così il numero della specie tanto dannosa per l’agricoltura e l’incolumità pubblica”.
“Massima soddisfazione per l’ottimo lavoro svolto che oggi ha portato all’approvazione del calendario in Consulta” il commento dei rappresentanti delle associazioni venatorie Federcaccia, Associazione Nazionale Libera Caccia, Arcicaccia, Italcaccia, Enalcaccia e degli ATC presenti all’incontro,  che si sono complimentate con la struttura e il Consigliere delegato per quanto fatto in sinergia.

Commenti Facebook