Maltempo, Durante: la Regione intervenga per programmare e realizzare interventi complessi

558

Il consigliere provinciale di Campobasso, Michele Durante (Possibile), dopo la bomba d’acqua che si è abbattutta nelle ultime ore sul Molise, ha riportato l’attenzione sulla vulnerabilità e sul dissesto cui è esposto quasi l’intero territorio che, ancora una volta, si è trovato in balìa degli eventi senza una programmazione adeguata e organica per intervenire in tempo ed evitare l’emergenza. “Ancora una volta – ha detto – siamo di fronte ad un’ondata di maltempo che ha provocato danni diffusi alla viabilità provinciale interessata da frane ed esondazioni di torrenti per la mancanza di risorse adeguate per la manutenzione e per tutti gli interventi necessari a causa dei trasferimenti dello Stato ridotti all’osso che non consentono di approntare una programmazione adeguata”.Basti considerare che, secondo la mappa del rischio, stilata da Adn Kronos e Anbi (Associazione Nazionale Consorzi Gestione Tutela Territorio e Acque Irrigue), in Molise sono 121 i comuni, per una superficie di 616 kmq, che presentano aree franabili e aree allunvionabili. “La Regione – ha aggiunto Durante – ha il diritto-dovere di programmare e realizzare interventi complessi con una dotazione finanziaria solida dedicata da reperire in bilancio e dai traferimenti dello Stato, approntando controlli stringenti su tutte le procedure di assegnazione dei lavori, e stilare un piano di coordinamento generale di Enti di area vasta collaborando con i sindaci che ben conoscono le criticità dei loro territori e possono contribuire a comporre una mappatura completa dell’intero territorio regionale prima di essere travolti da una nuova emergenza. In questo modo – ha concluso l’esponente di Possibile – si supera l’idea che il singolo Comune debba recarsi con il cappello in mano ad elemosinare risorse al governo regionale di turno e si rilancia, invece, il settore dei lavori pubblici garantendo maggiore sicurezza ai cittadini e rimettendo in moto l’intero comparto socio-economico”.

Commenti Facebook