Il Molise, la “solita storia”, ma è il sale della democrazia. La replica di Forche Caudine

630

Il professor Valerio Mancini è intervenuto sulla stampa regionale, con indubbia brillantezza, sul paio di momenti di non certo esaltante visibilità per il Molise legati al film di Checco Zalone e ai servizi delle “Jene” su Italia 1.Ha aggiunto una considerazione sull’imminente evento molisano in Garbatella, qui a Roma (www.moliseunaltrastoria.it), temendo la “solita” passerella della politica locale, pur all’interno di una manifestazione di cui riconosce l’assoluto spessore culturale.Comprendiamo l’astio, specie di questi tempi, nei confronti della politica e non sta certo a noi fungere da paladini delle istituzioni. Tuttavia, essendo tra gli organizzatori dell’evento (ma esclusivamente sul fronte romano, abbiamo lasciato ad altri i rapporti in regione), crediamo che la presenza di amministratori locali non costituisca un’anomalia per un’iniziativa che parla di Molise.

Cosa c’è di male se all’evento su Jacovitti, oltre alla figlia e all’amico giornalista, ci sia anche il sindaco di Termoli, città dove il vignettista era nato? O se all’appuntamento sull’Atene nel Sannio, con il Centro studi Alto Molise, sia presente anche il sindaco di Agnone? O se a parlare di mobilità sostenibile sia chiamato in causa anche l’assessore regionale ai Trasporti? Tra l’altro ognuno con una casacca politica differente ed inserito in tavole rotonde e confronti già predefiniti?Crediamo, anzi, che sia preciso compito della politica e dei tanti amministratori locali (questi, sì, eletti dai cittadini e spesso – specie nei piccoli paesi – i veri “angeli custodi” del territorio) approfittare di queste rare occasioni per dimostrare coesione e slancio propositivo, contribuendo a promuovere il Molise migliore, le sue produzioni, le eccellenze. Se non ora, quando sennò ?

Associazione “Forche Caudine” – Roma

Commenti Facebook