Definito il programma della Marcia Nazionale per la Pace

770

bregantiniSi sono riuniti a Campobasso, nella sala conferenze  “A. Romita” della curia arcivescovile di Campobasso, i responsabili nazionali per il  comitato promotore della Marcia per la Pace, Pax Chirsti, CEI, Caritas Italiana, Azione Cattolica Italiana ed i  responsabili dei vari organismi pastorali  della diocesi di Campobasso per definire il programma della 46esima Marcia Nazionale per la Pace del 31 dicembre 2013   e le iniziative in preparazione all’evento che vedrà Campobasso, città della Pace 2014. Campobasso dunque, la città che la  Conferenza Episcopale Italiana ha scelto per ospitare la 46esima Marcia Nazionale per la Pace. “Fraternità, fondamento e via per la Pace” è il tema scelto da Papa Francesco per la Giornata mondiale della Pace intorno al quale ruoteranno tutte le iniziative culturali, sociali, di carità, di spiritualità in preparazione all’evento e lungo tutto l’anno 2014.

Da Roma, per approvare e definire il percorso, il timing, i relatori ed i temi, sono stati presenti  i vertici dell’Ufficio Nazionale per i problemi Sociali ed il Lavoro, il neo Direttore mons. Fabiano Longoni, il coordinatore nazionale di Pax Christi don Renato Sacco , don Andrea La Regina della Direzione di Caritas Italia e Gigi Borgiani,  Segretario Nazionale di Azione Cattolica. Per Campobasso, guidati dall’arcivescovo  e Presidente della CEI per la Commissione Lavoro, giustizia e Pace, Mons. GianCarlo Bregatini, il coordinamento della Marcia per la Pace, Cartitas e  Ufficio per le Comunicazioni Sociali.  Durante l’incontro di lavoro è stato approvato il logo ufficiale della  46^ Marcia  ideato dalla diocesi di Campobasso, il Percorso, le Tappe, i  Relatori. A completamento dei vari interventi sono stati definiti i servizi, i luoghi di accoglienza, l’organizzazione, la logistica, il sistema di trasporti ecc.  già concordati, a livello locale,  con il Comitato Promotore per la Marcia (rappresentato da tutti gli organi istituzionali e organismi pastorali)  istituito il 18 settembre scorso, attraverso incontri preliminari  e piani di azione concreta per preparare la città di Campobasso ad accogliere questo evento.
Il percorso. A partire dal raduno presso la Chiesa di San Giuseppe Artigiano in via Gramsci, come prima tappa, la Marcia si snoderà  lungo via Montesanto , luogo significativo dove sarà avviata la Mensa Caritas, per giungere  all’aula Magna dell’Università degli Studi del Molise  e sostare per  incontro culturale e testimonianze dei relatori, con la partecipazione di alcuni cori della città e dell’orchestra di ottoni del conservatorio di Musica  Campobasso.  Dall’università   al Carcere di Campobasso, spazio di incontro tra carcere e società,  per  fare un momento  di  riflessione e preghiera. Dopo la sosta al Carcere la Marcia riprende, passando dinanzi al Municipio,  verso il centro storico per altra tappa a S. Antonio Abate, luogo Ecumenico delle diverse culture, per giungere alla Cattedrale della Ss. Trinità per la Celebrazione Eucaristica alle ore 22,30  in diretta su Sat 2000. Dopo la santa Messa in piazza Prefettura, dinanzi alla Cattedrale,  è previsto  un momento conviviale equo-solidale di scambio augurale.
Tra i relatori spiccano Domenico Quirico giornalista di La Stampa,  Agostino Burberi, allievo di don Milani, don Franco Esposito cappellano del carcere di Poggioreale di Napoli.
«Fraternità e Pace “ è il binomio tematico che vedrà tutto il Molise, le regioni limitrofe e i marciatori della Nazione  tutt’intorno, l’ultimo dell’anno “Con quel sapore di secca contestazione che vuole trasformare un veglione spendereccio in un’austera marcia di speranza, pur in un tempo freddo e gelido – nelle parole di Bregantini – su questo percorso noi, come città di Campobasso, chiamata ad essere Città della pace per il 2014, ricorderemo in particolare il vescovo Monsignor  Secondo Bologna che si è offerto vittima per salvare la nostra bella città dalle distruzioni della guerra, il 10 ottobre 1943». L’evento  con il programma e i dettagli sarà  presentato ufficialmente  in Conferenza Stampa il 18 dicembre 2013, presso la Sala “G. Marconi” della Conferenza Episcopale Italiana, a Roma.  
 

Commenti Facebook