Assegnata la Coppa “Miglior Presepe della Tradizione” alla Chiesa di San Michele di Sant’Elena Sannita (IS)

533

Il presepe animato caratterizzato dalla presenza delle statuette dell’arrotino, figura tipica del borgo. Il Sindaco Giuseppe Terriaca: “Un ottimo riconoscimento per tutta la comunità santelenese”.
Giunto al termine il 1° Concorso Regionale il “Presepe della Tradizione” riservato agli edifici e luoghi religiosi e promosso dall’ Associazione Culturale I Love Molise. Lunedì 6 gennaio, al termine della celebrazione liturgica per l’Epifania, si è svolta la premiazione.
Ad aggiudicarsi il Primo Premio Assoluto, è stata la Chiesa di San Michele Arcangelo di Sant’Elena Sannita, in provincia di Isernia.
Il Sindaco di Sant’Elena Sannita, Giuseppe Terriaca, si è detto felicissimo per il risultato del Concorso che ha premiato la Chiesa di San Michele Arcangelo ed ha avuto parole di elogio anche per l’Associazione I Love Molise che, ha sottolineato, “ sta attivamente e su più fronti cercando di promuovere il territorio molisano che un noto detto afferma mentre il Molise esiste ed ha tanto da offrire. Inoltre vi sono importanti testimonianze del passato che sono di inestimabile valore. Questo Premio – ha aggiunto il primo Cittadino – non può che essere un motivo di vanto per il nostro borgo e per l’intera Comunità santelenese”. Alla premiazione è stato presente anche Gregorio Valente, che con cura e passione ha allestito questo stupendo Presepe della Tradizione e che ha ricevuto un Attestato di Merito per il lavoro svolto.
A consegnare la Coppa direttamente nelle mani del Parroco Don Michele Stasio è stato il Presidente dell’Associazione, la giornalista Fosca Colli, la quale ha spiegato il perché di questa scelta: “ Durante il periodo natalizio abbiamo visionato molte rappresentazioni sacre sparse per il Molise – ha detto rivolta ai tanti presenti – è si deve ammettere che la scelta è stata veramente difficile. Tutti i presepi erano molto belli ed avevano un qualcosa che li rendeva unici o speciali. Nella sua essenzialità, essendo composto da solo le figure immancabili per un Presepe, la nostra attenzione si era concentrata anche su quello, a dimensioni umane, del Santuario dell’Addolorata di Castelpetroso; tuttavia mancava di quell’elemento fondamentale per il concorso: il riferimento alla tradizione inteso come quel richiamo specifico alla località. Caratteristica che abbiamo trovato nel Presepe di Sant’Elena Sannita, in parte animato, con le statuette che rappresentavano l’arrotino, tipico artigiano originario di questo borgo”.

Commenti Facebook