“Youth garantee” e Cig in Deroga: Petraroia incontra il Ministro Dell’Aringa

613

L’Assessore alle Politiche per l’Occupazione, Michele Petraroia, incontrerà domani 27 novembre alle ore 16.30, presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, il Sottosegretario di Stato on. Carlo Dell’Aringa. L’incontro, al quale parteciperanno anche i colleghi delle altre 19 regioni d’Italia, sarà di tipo interlocutorio ed operativo e riguarderà due tematiche di stretta attualità: lo stato di avanzamento del Programma “Youth garantee”, che dovrebbe garantire una vera risposta alla crisi dell’occupazione giovanile e il punto della situazione delle risorse finora spese, soprattutto nel corso di quest’ultimo scorcio dell’anno, da ciascuna Regione per la concessione di CIG in deroga oltre ad un nuovo quadro tecnico-normativo che dovrebbe tutelare un uso più appropriato di tale ammortizzatore per i prossimi anni.

L’incontro sarà preceduto da una riunione preparatoria della IX Commissione “Istruzione, Lavoro, Innovazione e Ricerca” che si terrà alle ore 14 presso la sede della Regione Toscana sita in Via Parigi a Roma e che sarà presieduta dal Vicepresidente, Stella Targetti.
Prendendo spunto dalla Raccomandazione del Consiglio dell’Unione Europea del 22 aprile 2013, proprio per attuare in modo efficace il programma della Youth Guarantee, il decreto legge 76/2013, convertito in Legge 99/2013, ha istituito presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali una Struttura di Missione (che opererà in via sperimentale, in attesa della nuova definizione del ruolo che spetterà, in materia, ai Servizi per l’impiego), cui partecipano il Ministero e le sue agenzie tecniche, il MIUR, il MISE, l’INPS, il Dipartimento della Gioventù, le Regioni e Province Autonome, le Province, le Camere di Commercio. Lo scorso 30 ottobre, la Struttura di Missione ha approvato il Piano per la “Garanzia Giovani” con i principi e i criteri che ne regoleranno l’attuazione. La “Garanzia Giovani” prevede che ogni Stato membro assicuri ad ogni persona al di sotto dei 25 anni un’offerta qualitativamente valida di lavoro, proseguimento degli studi, apprendistato o tirocinio entro un periodo di quattro mesi dall’inizio della disoccupazione o dall’uscita dal sistema d’istruzione formale. Lo Youth Guarantee programme riceverà un finanziamento di sei miliardi di euro, a partire dal 2014 per sei anni (un miliardo all’anno), destinati a tutti i Paesi dell’UE. Per l’Italia si prevede una quota di 400-600 milioni di euro da destinarsi a diverse iniziative: si punta dallo sviluppo di politiche attive alla garanzia di offrire a giovani destinatari l’opportunità di un colloquio specializzato, preparato da percorsi di costruzione del curriculum vitae e di autovalutazione, che prepari i giovani alle scelte del ciclo di vita ed all’ingresso nel mercato del lavoro, all’incoraggiamento attraverso interventi sistematici nei confronti dei cosiddetti ‘Neet’, fascia di giovani fra i 15 e i 29 anni che non lavorano, non studiano, né (apparentemente) hanno intenzione di farlo.
Uno strumento, quindi, che dovrebbe rivelarsi potenzialmente valido e che potrà servire a dare una scossa, a livello europeo, alla delicata questione dell’occupazione giovanile.
Un esempio valido di misure viene dalla Finlandia che, con le sue politiche contro la disoccupazione giovanile, ha ispirato l’istituzione stessa della Youth Guarantee.
Successivamente, si discuterà delle risorse utilizzate da ciascuna Regione circa la concessione degli ammortizzatori sociali in deroga, con particolare riguardo alla CIG, al fine di reperire sollecitazioni e criteri migliorativi circa un uso più efficace della misura stessa.
Sul punto, l’Assessore al Lavoro del Molise solleciterà l’istanza di ulteriori coperture economiche per l’ultimo trimestre 2013 al fine di assicurare una risposta di tutela a tutti i lavoratori che hanno presentato domanda di accesso agli ammortizzatori sociali.

Commenti Facebook