USB forestali: Toma ignora le istanze e le problematiche degli operatori idraulico forestali del Molise

263

Con grande rammarico e rabbia prendiamo atto che il Presidente Toma continua imperterrito ad ignorare le istanze e le problematiche degli operatori idraulico forestali del Molise, evidentemente è molto preoccupato dalle vicende politiche personali che minano la sua permanenza a Via Genova e continua ad anteporre gli interessi personali a quelli dei lavoratori e dei cittadini Molisani. Già dall’ottobre 2019, questa organizzazione sindacale, aveva allertato sia l’assessorato all’agricoltura che la presidenza della Giunta Regionale sulla precaria situazione finanziaria che si sarebbe delineata di lì a poco, come testimoniano i fatti attuali, per via della mancanza di idonee risorse da destinare alla programmazione della cantieristica forestale e del servizio AIB.

Oggi i lavoratori si trovano ad affrontare, oltre che le conseguenze deleterie della pandemia da COVID-19, quelle di una latitante programmazione che USB forestali del Molise ha continuamente denunciato nel corso di questa legislatura. Puntualmente disattese le numerose richieste d’incontro dal Presidente Toma, che evidentemente è insofferente al confronto e se ne sottrae costantemente, ignorando le gravi ripercussioni che ne derivano sul presente e sul futuro dei lavoratori.
La mancata rimodulazione di sottomisure del PSR inerenti la forestazione , che, invece, altre Regioni Italiane hanno messo in atto, reperendo, così, milioni di Euro aggiuntivi, evitando che risorse preziosissime facciano ritorno a Bruxelles, contestualmente alla mancata attivazione di nuove, ha fatto sì che oggi Arsarp Molise si trovi priva di risorse per poter assolvere al pagamento di questi lavoratori e per poter effettuare la progettazione idonea a poter assicurare continuità lavorativa agli operatori.

Noi eravamo e siamo coscienti di questo disagio perché costantemente ci confrontiamo quotidianamente con Arsarp Molise e perché abbiamo la cattiva abitudine di leggere gli atti prodotti dalla Giunta Regionale e da Arsarp Molise. Gli atti sì, perché le amministrazioni parlano attraverso gli atti e non attraverso una webcam di comodo. Oggi più che mai è fondamentale un confronto, atteso che si sta programmando il prossimo PSR, che porterà ancora maggiori risorse alla nostra Regione, considerato che rientreremo nuovamente nell’obiettivo 1 e che si apriranno grandi spiragli anche dal Piano per il Sud che prevede investimenti cospicui anche e soprattutto per la cura e messa in sicurezza del territorio.

Il partenariato, il confronto, su temi di tale importanza sono fondamentali e chi ricopre il massimo ruolo istituzionale della Regione non può e non deve, nella maniera più assoluta, sottrarsi nel rispetto dei diritti e della dignità dei cittadini e dei lavoratori. Anche per quanto concerne l’organizzazione del servizio AIB, per cui l’Assessore Cavaliere ha sempre ribadito, secondo noi a ragione, la competenza del Presidente Toma, non siamo mai stati, invitati nella maniera più assoluta a discuterne, nonostante le nostre continue richieste e reiterati contatti con la segreteria del Presidente della Giunta Regionale. Triste scaricabarile!
Ad oggi, purtroppo, oltre a non avere certezza di trasferimenti di risorse nelle casse di Arsarp e di prospettive concrete per il futuro, attendiamo con trepidazione una convocazione da parte dell’Assessore Cavaliere e auspichiamo anche da parte del Presidente Toma, che, avendo, come sembra, finalmente trovato un equilibrio per blindare la sua permanenza a Via Genova, magari troverà il tempo necessario per prendersi cura dei problemi dei Molisani. Nei prossimi giorni, in mancanza di opportune e idonee soluzioni, procederemo all’organizzazione di forme di proteste con il coinvolgimento lavoratori.


Giuseppe Pavone (Esec.Reg.le USB Molise)
Donato Di Blasio (RSA USB Forestali Molise)
Stefano Bellini (RSA USB Forestali Molise)

Commenti Facebook