SLC-CGIL e UIL-POSTE : plauso all’interessamento dell’onorevole Leva alla problematica

898

E’ con grande piacere che le Segreterie Regionali della SLC-CGIL e della UIL-POSTE apprendono dell’interessamento dell’on. Danilo Leva relativamente alle problematiche che da anni investono Poste Italiane in Molise. Non possono certo essere sfuggite ad alcuno le ultime iniziative che le Organizzazioni Sindacali firmatarie della presente stanno mettendo in atto da mesi. Non ultimo lo sciopero delle prestazioni aggiuntive e straordinarie nei Servizi Postali. Ripetiamo ancora una volta: il problema è grave ed investe l’intera collettività civile. In questa regione, Poste Italiane in pochi anni ha dimezzato il personale, ha razionalizzato Uffici Locali e creato caos totale in un servizio che da sempre viene erogato soprattutto alle fasce più deboli della popolazione. E per il periodo estivo l’Azienda sta provvedendo ad ulteriori ed improvvise chiusure. Così che nelle prossime settimane verranno chiusi a singhiozzo molti uffici, dai più grandi ai più piccoli. Ciò solo per permettere l’erogazione delle ferie estive al personale. Altre cause non esistono. Nel recapito la stessa Azienda pensa, in maniera assolutamente superficiale, di aver risolto tutto  con cinque lavoratori assunti per  tre mesi e con orario part-time. Siamo all’assurdo! Inoltre i  problemi delle poste molisane nascono sì da direttive centrali ma sono acuiti dalle disastrose gestioni , irrispettose  ed offensive, dei dirigenti dell’AREA SUD1 di Bari e dell’ALT CENTRO di Roma, da cui dipende il Molise.  Quando ci dicono pubblicamente che c’è un esubero di personale e poi ci troviamo con uffici chiusi e corrispondenza non recapitata siamo costretti a pensare o alla malafede o al dilettantismo gestionale. Per questi motivi sarebbe anche bene che ci fosse un ricambio nella dirigenze delle due Aree. Ciò permetterebbe un nuovo ed onesto confronto basato su numeri reali ed oneste valutazioni. Le Segreterie Regionali di SLC-CGIL  e UIL-POSTE si dichiarano assolutamente favorevoli e disponibili a quanto proposto dall’on. Danilo leva e si augurano che tutti coloro che in Molise ricoprono ruoli istituzionali prendano a cuore le problematiche di cui sopra, prima che sia troppo tardi, prima che la Regione ceda ulteriori posti di lavoro.

Commenti Facebook