Migranti in Molise, Calenda: spero che si inizi a trattare l’argomento come minore superficialità e improvvisazione

280

” Non posso che esprimere la mia preoccupazione per quanto sta accadendo in queste ore in Molise sul fronte migranti.

L’accoglienza e la solidarietà – scrive su profilo facebook la consigliera regionale Filomena Calenda – sono princìpi alla base della nostra società, ma non si può prescindere dal garantire la sicurezza sia a chi lascia il proprio Paese ma anche alle popolazioni che accolgono.

Mi chiedo: sono giuste le modalità con cui pensiamo di aiutare queste persone? Davvero pensiamo che la soluzione giusta sia quella di richiuderli in strutture e palazzi, in cui quotidianamente scoppiano risse o si tenta la fuga? Ritengo che la solidarietà sia ben altra cosa.


In un periodo così delicato, dove al dramma dell’immigrazione si aggiunge quello dell’emergenza sanitaria, credo che il governo nazionale non stia gestendo al meglio la problematica.

Ci avevano garantito che l’esito dei test per i migranti collocati in Molise era negativo.

Invece, i tamponi a cui sono stati sottoposti non appena arrivati in regione hanno evidenziato che due di loro sono positivi al Covid-19.

Un fatto di una gravità unica, passato quasi sottobanco, ma che evidenzia come le rassicurazioni di ministri e parlamentari di maggioranza lasciano il tempo che trovano.

Sono convinta che, – conclude Calenda – grazie alle autorità competenti, si riuscirà a garantire la sicurezza anche nel nostro Molise, ma spero che da Roma arrivi un supporto valido e si inizi a trattare l’argomento come minore superficialità e improvvisazione.

Commenti Facebook