Comitato pro-Renzi di Santa Croce: Cambiare il PD per cambiare anche il nostro Paese

607

“Cambiare il segretario del PD è cambiare il Paese, ma anche sviluppare un nuovo modo di fare politica che cambierà le amministrazioni locali e la vita di tutti i giorni. Per questo è importante andare tutti a votare”. Il Laboratorio pro-Renzi di Santa Croce di Magliano scalda i motori per le Primarie del Partito Democratico per eleggere il suo segretario nazionale e candidato premier e la sua assemblea nazionale. Si vota domenica 8 dicembre, dalle ore 8 alle 20. Tutti possono votare, non c’è bisogno di essere iscritti al PD.

Flaviano Alfieri, tra i promotori dell’iniziativa, ne delinea lo spirito  che non si fermerà con le Primarie: “Abbiamo scelto la formula del ‘Laboratorio’ per un motivo che riteniamo molto importante: le organizzazioni politiche devono tornare a fare il mestiere che facevano una volta,  cioè formare futuri amministratori. Per questo vogliamo creare, insieme a persone di esperienza, un luogo in cui i giovani possano studiare e prepararsi per diventare politici capaci. Questa – spiega Alfieri – è una parte importante, anche se spesso sottovalutata, dell’iniziativa politica di Renzi, ma che risulta fondamentale. Non crediamo nell’‘improvvisazionismo’ dei grillini, non crediamo nel professionismo interessato di molti politici vecchio stampo. Crediamo – continua Alfieri – che le migliori energie del nostro territorio debbano avere un posto dove far valere il loro merito e saper crescere”.
Alfieri descrive quindi il progetto del dopo-rottamazione: “Creare una nuova classe dirigente, anche locale, capace di innovare a ragion veduta, senza sperimentare amministrazioni tanto fantasiose quanto improvvisate sulla pelle dei cittadini”.
Il Laboratorio pro-Renzi di Santa Croce avrà uno specifico progetto territoriale: “Andare domenica a votare Renzi, vorrà dire dare al Paese un nuovo modo di intendere la politica, un modo più aperto ai cittadini, in grado di ascoltare le istanze e affrontarle con competenza. In tal senso siamo molto contenti – conclude Alfieri – che anche il presidente Frattura abbia abbracciato il progetto renziano insieme a Micaela Fanelli. Li aspettiamo sul nostro territorio, per avviare una riflessione forte sul rilancio di Santa Croce e dell’intera area del cratere”.
L’iniziativa vede protagonisti diversi esponenti della società civile, come il preside Colombo, giovani come Vincenzo Alfieri e tanti altri. Un gruppo che intende crescere e dare nuovo slancio alla partecipazione democratica dell’area.

Commenti Facebook