Isernia, aggredisce titolare di un locale e un poliziotto, arrestato 38enne

720

Pugni in faccia ai poliziotti intervenuti per sedare un diverbio tra lui e il titolare di un kebab. Nella tarda serata di ieri un equipaggio della Squadra Volante della Polizia di Stato di Isernia si recava presso un esercizio commerciale di “Kebab” di Isernia dopo una segnalazione tramite il numero di emergenza 113 che all’interno vi erano due giovani che stava creando scompiglio a seguito di una discussione con uno dei dipendenti. Sul posto, il titolare riferiva agli agenti che poco prima del loro arrivo due giovani italiani avevano innescato un acceso diverbio con un dipendente e poi avevano rovesciato sedie e tavolini nonché un barattolo di Ketchup sul pavimento dileguandosi velocemente in direzione di un bar adiacente. Il titolare indicava ai poliziotti intervenuti uno dei due giovani mentre stava uscendo dal bar riconoscendolo come uno dei due autori del gesto e, pertanto gli agenti, al fine di identificarlo si avvicinavano allo stesso. Questi, però, oltre al secco rifiuto di fornire le proprie generalità accompagnato da insulti e dopo aver nuovamente offeso il titolare del Kebab presente, improvvisamente afferrava la giacca di uno dei due agenti sferrandogli un violento pugno sulla spalla. Nel tentativo di bloccarlo, il giovane provava a svincolarsi e ne nasceva così una colluttazione che gli faceva perdere l’equilibrio e lo faceva cadere rovinosamente a terra. Gli agenti operanti facevano intervenire immediatamente personale del 118 per le cure mediche ma il giovane, durante l’attesa dell’ambulanza, continuava ad insultarli e a minacciarli insistendo con il suo comportamento aggressivo anche presso il Pronto Soccorso dove poco dopo veniva trasportato e medicato. Presso l’ospedale venivano medicati anche sia il dipendente del Kebab ed il polizotto per lesioni guaribili rispettivamente in giorni 3 e 10. Dopo i primi accertamenti sanitari il giovane, isernino, di anni 38, con numerosi precedenti per resistenza a P.U., lesioni, furto, estorsione ed altro, già colpito da Avviso Orale emesso dal Questore di Isernia, veniva tratto in arresto per violenza, resistenza e oltraggio a Pubblico Ufficiale ed associato presso la locale Casa Circondariale a disposizione della competente Autorità Giudiziaria.

Commenti Facebook