Aumento RC auto, Di Clemente: altro balzello antisociale per le masse della provincia di Isernia

855

Mancavano balzelli per le masse della provincia di Isernia: mentre si tagliano i servizi essenziali, dalla sanità ai trasporti e via dicendo, la provincia di Isernia, ha aumentato la tassa sull’assicurazione RC auto al 16%. Come tutti i tributi “indiretti” non seguono la progressività per cui colpiscono indiscriminatamente senza distinguere tra ceti ricchi e classi popolari.
Ciò in nome del “federalismo fiscale”, di cui dobbiamo un particolare ringraziamento ai ladroni della Lega Nord (tanto cari anche a qualche molisano). Il balzello si aggiunge ai profitti garantiti alle grandi compagnie di assicurazione.  Ennesima riprova della grande rapina sociale con cui un minoranza di capitalisti si arricchisce a spese del resto della società.  Ennesima riprova che il governo centrale e i governi locali, di destra o di “centrosinistra”, sono solo comitati esecutivi della borghesia. A Isernia come in ogni provincia d’Italia. (Tiziano Di Clemente)

Commenti Facebook