L’opinione/Il nuovo Governo parta con un piano straordinario su politiche attive, Donne e giovani

174

Nonostante il “blocco” dei licenziamenti l’Istat comunica che nel mese di dicembre 2020 sono calati gli occupati e sono aumentati disoccupati e inattivi.

La diminuzione dell’occupazione (-0,4% rispetto a novembre, pari a -101mila unità) coinvolge soprattutto donne, lavoratori dipendenti e autonomi, e abbraccia tutte le classi d’età, con unica eccezione gli over 50.

A prescindere da chi sarà alla guida dell’esecutivo e la sua natura alla fine di una crisi surreale, si dovrà, nelle prossime settimane, ragionare su come rilanciare le politiche attive del lavoro molto citate e poco conosciute, sperando si azzeri la follia dei Navigator.

Una buona ipotesi di lavoro da cui partire potrebbe essere quella lanciata a dicembre dalle amministrazioni regionali, nello specifico, si proponeva un piano nazionale straordinario di politiche attive per il lavoro con una governance Stato-Regioni in una cornice unitaria per assicurare universalità di prestazioni con un forte ruolo dei territori.

L’idea di un Piano straordinario nasce dall’esigenza di definire linee di indirizzo e azioni di sistema in una cornice unitaria, attraverso adeguati  finanziamenti, con la progettazione di cluster di utenti che risponda anche a priorità trasversali quali donne, giovani, disabili e soggetti svantaggiati, in particolare quelli che sono, strutturalmente, più distanti, per problematiche sociali ed economiche, dal mercato del lavoro e che hanno difficoltà ad accedere, ad esempio, a sistemi on line (si pensi al complesso tema del digital divide e dell’alfabetizzazione digitale).

Si evidenziavano, allo stesso tempo, alcune priorità trasversali e strutturali quali la necessità dell’implementazione dei sistemi informativi, una maggiore digitalizzazione dei servizi per il lavoro per aumentarne l’accessibilità, lo sviluppo di servizi aggiuntivi, come la certificazione delle competenze e l’orientamento e accompagnamento ai servizi di natura sociale.

Si scommetteva poi sulla valorizzazione del ruolo dei Centri per l’impiego in un’ottica di rete anche con altri soggetti pubblici e/o privati e l’implementazione e la messa a sistema degli Osservatori del mercato del lavoro regionali dove non ancora presenti.

Le regioni sottolineavano, inoltre, una volontà di affrontare le criticità che sono emerse con riferimento all’assegno di ricollocazione ed al reddito di cittadinanza, per fare tutto ciò si auspicava un Piano pluriennale capace di coniugare interventi immediati e strategie necessariamente di medio-lungo termine e che veda un periodico, e necessario, coinvolgimento delle parti sociali.

L’analisi di contesto sembra esserci, il percorso da delineare pure e non sembrano mancare, le risorse, grazie al Recovery fund.

Oggi è arrivato il tempo che le buone intenzioni, partendo anche da valide pratiche già consolidate negli anni, diventino progetti concreti, operativi e implementabili per rilanciare il lavoro e l’economia del nostro Paese, finiti i tavoli programmatici e le consultazioni di queste ore, la grande sfida del nuovo Governok, quale che sia, chiamato a portare il nostro paese fuori dal tunnel del Covid.

Alfredo Magnifico

Commenti Facebook