Incentivi alle Imprese (Nuova Sabatini): adeguamento ai nuovi regolamenti comunitari

1522

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha emanato la circolare contenente le integrazioni e specificazioni alle disposizioni attuative dell’intervento Beni strumentali (“Nuova Sabatini”) necessarie ai fini dell’adeguamento ai nuovi regolamenti comunitari di esenzione n. 651/2014 e n. 702/2014, in vigore dal 1° gennaio 2015. Con decreto del Ministro dello sviluppo economico, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, 27 novembre 2013, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 19 del 24 gennaio 2014 (nel prosieguo “decreto”), sono stati stabiliti i requisiti, le condizioni di accesso e la misura massima dei contributi di cui all’art. 2, comma 4, del decreto-legge 21 giugno 2013, n. 69, convertito, con modificazioni, dalla legge 9 agosto 2013, n. 98, in materia di finanziamenti per l’acquisto di nuovi macchinari, impianti e attrezzature da parte di piccole e medie imprese, nonché disciplinate le modalità di concessione ed erogazione dei contributi e il raccordo con i finanziamenti previsti dallo stesso art. 2.
Il decreto prevede che le agevolazioni siano concesse in conformità ai regolamenti comunitari di esenzione, segnatamente il regolamento (CE) n.800/2008 (regolamento generale di esenzione per categoria, cosiddetto GBER), il regolamento (CE) n. 1857/2006 (piccole e medie imprese attive nella produzione dei prodotti agricoli), il regolamento (CE) n.736/2008 (piccole e medie imprese. attive nel settore della produzione, trasformazione e commercializzazione dei prodotti della pesca), nonché alle successive modifiche e integrazioni dei medesimi regolamenti. Con l’entrata in vigore dal 1° gennaio 2015 dei nuovi regolamenti comunitari di esenzione (UE) n. 651/2014 (nuovo GBER) e n. 702/2014 (settori agricolo e forestale e zone rurali), è necessario adeguare le disposizioni operative che regolano la concessione delle agevolazioni alle nuove disposizioni introdotte dai predetti regolamenti.
Da tale data, quindi, devono essere utilizzati i moduli e gli schemi conseguentemente modificati, disponibili nella sezione dedicata del sito del Ministero dello Sviluppo economico. Non essendo ancora stato adottato il regolamento comunitario relativo al settore della produzione, trasformazione e commercializzazione dei prodotti della pesca, la presentazione delle domande da parte di piccole e medie imprese attive in questo settore è sospesa.

Circolare 24 dicembre 2014

Ministero dello Sviluppo economico: Incentivi alle Imprese, Beni strumentali

Per ulteriori approfondimenti e/o consulenze specifiche ci si può rivolgere allo Studio Terminus Srl- Elaborazione Dati Contabili e Servizi Caf ai seguenti indirizzi:

-CAMPOBASSO, via Duca d’Aosta 3/A, Tel. e Fax 0874/98926
– TERMOLI, via Asia 3/A, tel. 0875/81419

mail: [email protected]

Commenti Facebook