Forza Gigante!! Il web tifa per Mariano Credico.

1009

564051 4404729289319 1055375848 nQuesti ultimi giorni sono stati infestati da eventi tragici che hanno coinvolto, in maniera diversa e con differenti epiloghi, tanti giovani molisani. Purtroppo uno di questi accadimenti riguarda un uomo estremamente conosciuto a Campobasso e non solo, sia per il suo lavoro di servitore dello Stato, ma specialmente per la sua passione più grande: quella per il rugby. Parliamo del capitano della squadra di Rugby del capoluogo Mariano Credico.             Probabilmente i tanti che lo conoscono  per la sua professione ignorano che lui per primo ha introdotto in Regione questo sport assieme a qualche amico, raccogliendo immediatamente attorno a sé un gruppo di giovani pronti a spingere con lui la mischia, sotto i colori del Centro Universitario Sportivo.

Quest'anno il secondo campionato interregionale che vede i ragazzi del Cus girare in lungo ed in largo le Regioni limitrofe a caccia di mete, ma soprattutto di divertimento e grinta, in quello che è definito, dai più, lo sport nobile per eccellenza. Proprio in occasione dell'ultimo incontro il Capitano preferì restare in panchina per far spazio ai ragazzi più giovani, nella sfida contro il Benevento. E forse il destino gli ha fatto fare la scelta giusta. Infatti, durante l'incontro una serie di dolori, seguiti da alcuni preoccupanti sintomi che hanno spinto Mariano a recarsi presso il nosocomio cittadino dove, intuita la serietà del caso, hanno deciso di trasferirlo presso l'ex Cattolica dove si è proceduto ad un intervento chirurgico.                                                               1012225 10201678985484767 1246624187 nPoche sono le informazioni che ad ora trapelano sulle sue condizioni generali, anche perché i medici preferiscono non sbilanciarsi, comunque una cosa è certa: il capitano combatte, come sempre. Il mondo sportivo per intero, con in testa quello del rugby locale e del centro sud, sta manifestando tutta la sua apprensione, ma anche tanto ottimismo per un felice epilogo della vicenda. A loro ci uniamo anche noi di informamolise che conosciamo Mariano sia per motivi sportivi che professionali, sperando di potergli fare al più presto una "dovuta" intervista sul rugby molisano.

M.A.

Commenti

commenti