Francesco Robusto nuovo Segretario dei Giovani Democratici del Basso Molise

492

Si chiama Francesco Robusto, ha appena 19 anni, è di Termoli e frequenta  il quinto anno del liceo classico. E’ lui il nuovo segretario della federazione dei Giovani Democratici del Basso Molise. E’ stato eletto ieri mattina all’unanimità dei delegati, al termine di un’assemblea congressuale molto partecipata. Aperta dai saluti dell’On. PD Laura Venittelli e del vice Presidente dell’assemblea regionale del partito Costanza Carriero, l’assemblea ha visto assoluti protagonisti i giovani, a cominciare da Nicola Palombo, candidato sindaco del PD a Montenero Di Bisaccia, che proprio tra le fila dei Giovani Democratici ha iniziato la sua esperienza politica, circa tre anni fà.
Dal segretario  di federazione uscente Marinella Di Carlo e dal segretario regionale GD Davide Vitiello è giunto il pieno e convinto sostegno di tutta l’organizzazione giovanile a Palombo in vista della difficile sfida amministrativa di fine Maggio.
E’ toccato poi all’unico candidato in corsa, il giovanissimo Francesco Robusto, prendere la parola per illustrare alla platea i punti salienti della sua mozione congressuale: dall’attenzione al lavoro alla salvaguardia della sanità pubblica, in modo particolare degli ospedali di Termoli e Larino; dal rapporto con la scuola alla valorizzazione del patrimonio culturale, storico e archeologico del territorio. Robusto dimostra di avere le idee chiarissime e doti carismatiche  riconosciute da chi lo conosce bene.
L’assemblea è stata una prova di grande maturità (da prendere come esempio per i più grandi) e un momento di orgoglio per il segretario di federazione uscente Marinella Di Carlo, emozionata per il passaggio di mano dopo tre anni di  grande attivismo e di impegno costante, culminato con la nascita di circoli GD in buona parte dei territorio bassomolisano e un numero di iscritti in crescita, nonostante la rassegnazione e la sfiducia dilagante tra i più giovani nei confronti della politica e dei partiti.
“La nostra palestra – ha affermato il Segretario regionale GD Vitiello – ha funzionato e la prova è una fase congressuale all’insegna dell’unità, della partecipazione e della condivisione di proposte per dare soluzione ai problemi fondamentali che vivono le giovani generazioni, in un contesto storico drammatico per la nostra regione. Ciò conferma la bontà del progetto e la necessità di avere un solido gruppo di giovani disinteressati che vivono la politica con passione, entusiasmo e come forma di impegno quotidiano in favore delle comunità di appartenenza.”
La prima fase del ciclo congressuale si chiuderà sabato 2 Maggio con il congresso della federazione GD di Isernia. Subito dopo si inizierà a lavorare per la preparazione del congresso regionale. ( nella foto Nicola Palombo e Francesco Robusto)

Commenti Facebook