XXXIX edizione del Festival della Zampogna a Scapoli

2302

La manifestazione, nata nel 1975 come Mostra Mercato, venne integrata nei primi anni ’90 con un  Festival di respiro sempre più internazionale che, facendo giustizia di una visione riduttivamente folcloristica della zampogna e del suo contesto di appartenenza, ha sdoganato questo antichissimo e tutt’altro che modesto strumento musicale, da un lato recuperandone autenticità, valore e ruolo nell’ambito della cultura popolare tradizionale, dall’altro rendendolo attraente per il gusto e la sensibilità musicale del nostro tempo.Un evento come quello di fine luglio a Scapoli, però, non è solo laboratorio culturale o luogo di incontro e di scambio. Esso è anche occasione di divertimento all’insegna di suoni, colori e sapori che riempiono i vicoli e le piazzette del piccolo borgo fondato dai monaci di San Vincenzo al Volturno sul finire del X secolo ai piedi del massiccio protettivo e luminoso delle Mainarde. Inoltre, richiamando a Scapoli un pubblico numeroso, affezionato e motivato, proveniente da ogni parte d’Italia e anche dall’estero, la Mostra Mercato e il Festival costituiscono un potenziale volano dell’economia locale attivando un flusso turistico qualificato e sostenibile. ( Antonietta Caccia, Presidente dell’Associazione Culturale “Circolo della Zampogna” )

Il Programma della XXXIX edizione

Venerdì 24 Luglio 2015
ore 17.00   Museo Internazionale della Zampogna “P. Vecchione”.Presentazione della XXXIX Mostra Mercato e Festival Internazionale della Zampogna

ore 18.00
Apertura stands della XXXIX Mostra Mercato e Festival Internazionale della Zampogna a cura dei Maestri Artigiani di Scapoli

ore 21.00   Piazza Martiri di Scapoli
CONCERTO
Suonatori tradizionali e gruppi di riproposta di Scapoli e dell’area mainardica
I Malembe
I Patrios

Sabato 25 luglio 2015
Ore 11.00   Museo Internazionale della Zampogna “P. Vecchione” Visite guidate a cura di Gabriella Izzi

ore 12.00   Museo Internazionale della Zampogna “P. Vecchione” Momenti di Festival: proiezione di video e foto dei Festival

ore 16.30   Piazza Martiri di Scapoli
Esibizione del gruppo di danza popolare “Terramare” diretto da Serena Petronio

ore 17.30    Museo Internazionale della Zampogna “P. Vecchione” Conosciamo le Launeddas – stage a cura del Maestro Stefano Pinna

ore 21:00    Piazza Martiri di Scapoli
CONCERTO
ZampognAntica
Municipale Balcanica
I Dissonanti
Antigua

Domenica 26 luglio 2015
Ore 10.00   Suoni in libertà. Esibizione musicale per le vie e piazze cittadine di suonatori di Zampogne e Ciaramelle Gruppi Folkloristici e di musica popolare

ore 11.00   Museo Internazionale della Zampogna “P. Vecchione” Conosciamo le Launeddas – stage a cura del Maestro Stefano Pinna

ore 12.00   Museo Internazionale della Zampogna “P. Vecchione” Momenti di Festival: proiezione di video e foto dei Festival

ore 15.30   Piazza Martiri di Scapoli  Esibizione dei gruppi folkloristici: “Le due Torri” di Miranda “Zig Zaghini” di San Giovanni in Galdo

ore 17.00    Museo Internazionale della Zampogna “P. Vecchione” Riconoscimento alla memoria di Palmerino Ricci, celebre suonatore di Ciaramella

ore 17.30    Museo Internazionale della Zampogna “P. Vecchione” Cerimonia di consegna degli strumenti: Ciaramella Scapolese della famiglia di Palmerino Ricci Le Launeddas e le Benas  della Sardegna di Stefano Pinna Le Pariglie di Ance in Canna per Zampogne di Sabato Viciconte

ore 18.00    Museo Internazionale della Zampogna “P. Vecchione” Consegna del brano per Zampogne “Accompagnamm o’ Bambeniell” di G. Raffone, L. Rizzo, L. Quattrocchi

ore 18.30    Museo Internazionale della Zampogna “P. Vecchione” Istituzione del Premio Nazionale “La Zampogna è Donna” Riconoscimento a Giusy Scaccia, suonatrice e cultrice della tradizione zampognara

ore 21:00    Piazza Martiri di Scapoli
CONCERTO
Apertura del concerto finale del Festival a cura del Maestro Stefano Pinna
Diaduit
Kiepò
Presenta Ileana Izzi
durante il Festival saranno allestiti stands di artigianato, editoria, strumenti musicali, gastronomia. Ampio parcheggio nei pressi dell’ingresso principale del paese

Commenti Facebook