Ripristinare il servizio di pulizia a bordo dei treni, Cgil: plauso al tentativo di Nagni

412

Apprendiamo con convinto compiacimento, del tentativo dell’Assessore regionale ai trasporti Pierpaolo Nagni, di ripristinare il servizio di pulizia a bordo dei treni della rete regionale attraverso una richiesta inviata alla  Dirigenza Trenitalia.Ricordiamo che questo apprezzato servizio accessorio della circolazione, era stato inspiegabilmente sospeso alcuni mesi dopo la sua attivazione; ci permetteva di detenere il primato, insolitamente positivo per le nostre ferrovie, di essere l’unica Regione, insieme alla Puglia, a poter vantare di avere attuato la pulizia durante il viaggio oltre a come normalmente avviene, durante lo stazionamento dei convogli in stazione. Servizio normalmente attribuito ai treni AV “Freccia” ma che noi continuiamo a sostenere di doverlo dedicare anche ai treni delle linee regionali.

Opportunamente l’Assessore ne chiede il ripristino anche a titolo di “ristoro” dei tanti disagi patiti dagli incolpevoli  frequentatori delle tratte ferroviarie molisane.Chiediamo anche all’Assessore, qualora il probabile mancato accoglimento da parte dell’impresa ferroviaria a destinare risorse alla pulizia a bordo treno, di reperire risorse regionali per questa finalità, così come avvenuto recentemente per il ripristino delle autolinee sostitutive da Vairanoad Isernia. Operazione opportuna e molto apprezzata dall’utenza.La richiesta avanzata dall’Assessore, se recepita, aumentando la quantità di lavoro nell’impianto di Campobasso,  potrà aiutare le OO.SS. impegnate domani in un confronto con la Ditta appaltatrice a cui sono affidati i servizi di pulizia dei treni della rete molisana, che verrà nel Molise ad annunciare il licenziamento di quattro lavoratori dipendenti. Provvedimento estremo che solo l’eventuale ricorso ad ulteriore strumento di tutela salariale potrà scongiurare. Ricorso che vedrà i salari di questi lavoratori ridursi ulteriormente, con immaginabili effetti diretti ed  indiretti sui loro bilanci familiari, incrementando la depressione dell’economia della Regione.

Il Segretario Generale Filt-CGIL Molise
Giorgio Simonetti

Commenti

commenti