Poste: la Cisl è portatore d’interessi, quelli dei lavoratori

1064

 Antonio D’Alessandro Segretario interregionale della CISL Poste invia una missiva ai vertici Aziendali con la quale dichiara: ”La crisi dovrebbe obbligarci a riprogettare il nostro cammino, a darci nuove regole e a trovare nuove forme d’impegno, puntando sulle esperienze positive e rigettando le negative. La crisi deve essere occasione di riflessione diretta a un nuovo metodo di concertazione e di condivisione di responsabilità, per mantenere intatte le potenzialità della nostra base produttiva, creando le condizioni per gestire la ripresa”.
La CISL Poste – continua Antonio D’Alessandro -, nell’interesse della clientela e dei postali molisani, per la crescita del Molise, per una crescita aziendale e per il bene di tutti propone.
· Un segnale aziendale diretto alla conversione dei contratti di lavoro da Part-time a full-time, a tal proposito chiede all’Azienda di quantificare il costo dello straordinario e delle tabelle di missione nello stesso tempo di verificare il risparmio che ci può essere attivando la clausola elastica.
· L’apertura di nuove sale consulenza presso gli Uffici Postali di Monteroduni, Pozzilli, Colli a Volturno, Riccia, Sant’Elia a Pianisi, San Martino in Pensilis, Campodipietra, e Carovilli. Inoltre, in tutti quegli Uffici dove sono radicati un numero rilevante di conti correnti di aprire altre sale consulenze, in affiancamento a quelle esistenti.
· L’apertura del doppio turno presso gli Uffici Postali di Agnone, Frosolone, Larino, con assegnazione del personale in numero adeguato alla turnazione.
La CISL Poste – termina Antonio D’Alessandro -, come sempre è portatore d’interessi, quelli dei lavoratori, per questo fa la sua parte con responsabilità unicamente per difendere l’occupazione e dare maggiori servizi ai cittadini molisani, l’Azienda Poste Italiane e la sua unicità.

Commenti Facebook