Monaco: I bonus assunzionali sono diventati un giallo

974

Era il 2011 quando sul Bollettino Ufficiale della Regione Molise venne pubblicato l’avviso pubblico per la presentazione di richieste di accesso ai bonus assunzionali correlati all’assunzione dei lavoratori svantaggiati inseriti nel Programma Azione di Sistema Welfare to Work per le politiche di re-impiego. Nel 2012 tale Avviso è stato finanziato, come previsto dal Ministero del Lavoro, per un ammontare complessivo di €1.100.000,00, ma ad oggi nessuno ha ancora ricevuto quanto previsto.
“In Molise ci sono 157 richieste finanziabili con questa misura – afferma il consigliere Monaco – e ci sono persone che hanno effettivamente assunto il personale sostenendone finora il costo solo con proprie risorse. Non è possibile che dopo due anni ancora non sia stata pubblicata la graduatoria e non si sia provveduto all’impegno di spesa, per di più con fondi ministeriali”
L’esistenza e il destino di quei fondi sembrano essere avvolti nel mistero. Per questo oggi  il consigliere Monaco ha presentato una interrogazione urgente per sollecitare l’Assessore alle Politiche del lavoro a dare risposta ai molisani prima ancora che al Consiglio regionale.
“Devo dare atto al consigliere Micone – prosegue Monaco – che già a gennaio aveva presentato una interrogazione sullo stesso argomento e che non è stata fornita, fino ad oggi, alcuna risposta. Non ci è dato sapere, quindi, se i fondi siano stati utilizzati diversamente; se la Giunta intende fare un passo indietro e ignorare quell’Avviso; se si sta cercando di far fronte alla carenza di liquidità per dare risposte concrete agli imprenditori che hanno assunto nuovo personale contando sul sostegno previsto nelle politiche di re-impego. Questa assenza di interlocutori è la beffa maggiore che i cittadini e noi stessi consiglieri dobbiamo sopportare”.
Ancora una volta, quindi, le indecisioni ed i ritardi della Pubblica Amministrazione finisco per ricadere sulle spalle dei cittadini, procurando danno economico alle imprese che già fanno non poca fatica a combattere la crisi.

Commenti Facebook